Cerca

Sabato 25 Febbraio 2017 | 21:24

Lega Pro

Viterbese, due rigori contro: buon punto in casa del Renate (2-2)

Viterbese, due rigori contro: buon punto in casa del Renate (2-2)

Dino Pagliari

RETI: 6’ pt Cruciani (rig. V), 18’ pt (rig.) e 11’ st (rig.) Napoli (R); 13’ st Jallow (V)

RENATE (4-3-3): Cincilla; Anghileri, Malgrati, Teso, Vannucci; Palma (18’ st Bizzotto), Pavan, Scaccarabozzi; Lavagnoli, Marzeglia, Napoli (12’ st Graziano). A disp. Merelli, Mora, Florian, Di Gennaro, Dragoni, Savi, Makinen. All. Foschi

VITERBESE (4-4-2): Iannarilli; Celiento, Pacciardi, Miceli, Varutti; Battista (25’ st Falcone), Cuffa, Cruciani, Cenciarelli; Jefferson, Jallow. A disp.: Micheli, Pini, Dierna, Tortolano, Neglia, Pandolfi, Cardore, Sandomenico, Doninelli. All. Pagliari

ARBITRO: Santoro di Messina (De Pasquale e Conti)

NOTE: ammoniti Celiento (V), Napoli (R), Miceli (V), Jallow (V), Iannarilli (V), Malgrati (R), Marzeglia (R), Pavan (R). Allontanato al 25’ st il tecnico della Viterbese Pagliari per proteste.  Angoli: 6-5 per il Renate. Recupero: pt 0’, st 3’. Spettatori 400 circa.

La Viterbese torna con un buon punto da Meda al termine di una gara caratterizzata dalla concessione di tre calci di rigore, due dei quali non propriamente solari.

I gialloblù vanno in vantaggio al 6', quando Malgrati affronta con troppa decisione in area Jefferson: primo rigore trasformato da Cruciani. 

Al 18' una live trattenuta di Celiento ai danni di Marzeglia convince l'arbitro che si può concedere il rigore anche ai locali: è Napoli a battere Iannarilli.

Detto di due dei diversi miracoli di giornata del numero uno della Viterbese su Marzeglia (al 30') e Napoli (44'), arriviamo alla ripresa.

All'11' Napoli sfugge ancora alla difesa viterbese e Iannarilli stavolta per fermarlo commette fallo: rigore inevitabile e seconda rete di giornata per l'attaccante nerazzurro.

Al 13' la rete del definitivo pareggio. Schema eseguito alla perfezione con Cenciarelli che scende sulla sinistra mettendo un pallone radente sul primo palo, sul quale Jallow si fionda anticipando Malgrati.

Più letti oggi

il punto
del direttore