Cerca

Domenica 19 Febbraio 2017 | 22:24

Lega Pro

La Viterbese torna alla vittoria: decide Jefferson, Piacenza ko (1-0)

La Viterbese torna alla vittoria: decide Jefferson, Piacenza ko (1-0)

Il gol di Jefferson (Foto Vismara)

RETE: 29’ st Jefferson

VITERBESE (4-4-2): Iannarilli; Celiento, Dierna, Pacciardi, Varutti; Falcone (20’ st Doninelli), Cenciarelli, Cruciani, Sandomenico (34’ st Cuffa); Neglia, Jefferson.  A disp. Pini, Cuffa, Belcastro, Micheli, Bernardo, Pandolfi, Cardore. All. Dino Pagliari.

PIACENZA (4-3-3): Pelizzoli; Sciacca (34’ st Cazzamalli), Abbate, Pergreffi, Masullo; Segre (30’ st Razzitti), Taugordeau, Hraiech; Nobile (17’ st Tulissi), Romero, Franchi. A disp. Miori, Di Cecco, Silva, Pozzebon, Colombini, La Vigna, Bertoli, Castellana.  All. Arnaldo Franzini

ARBITRO: Lorenzin di Castelfranco Veneto (Notarangelo di Cassino e Fontemurato di Roma)

NOTE:  Prima del fischio d’inizio è stato osservato un minuto di raccoglimento in memoria delle vittime della sciagura abruzzese. Ammoniti: Dierna, Cenciarelli, Pacciardi, Jefferson, Franchi, Sciacca, Masullo. Espulsi al 33’st Cruciani e Razzitti per reciproche scorrettezze. Calci d’angolo 5-5. Recupero: pt 0; st 6’. Spettatori 1500 circa con una cinquantina di tifosi ospiti.

La Viterbese batte il Piacenza al termine di una bella partita ben giocata dalle due squadre grazie ad un secondo tempo semplicemente perfetto. Con questo successo i gialloblù consolidano la loro posizione in zona play-off alimentando sensazioni positive per il proseguo del campionato.

Nel primo tempo l'occasione più grossa capita al Piacenza, al 17', con il traversone di Nobile che trova tutto solo Segre ad un passo dalla porta ma la sua conclusione trova uno Iannarilli strepitoso che devia in angolo.

Nella ripresa la Viterbese diventa più incisiva e si rende pericolosa in diverse occasioni. In evidenza i nuovi, Jefferson e Falcone, anche Sandomenico è molto attivo.

E' proprio Jefferson a decidere le sorti del match al 29'. Punizione dalla trequarti sinistra di Cruciani che trova l’incornata vincente dell'attaccante brasiliano che supera Pelizzoli.

Nel finale Neglia, in un paio di circostanza, sfiora il 2-0, ma Pelizzoli è sempre attento.

Più letti oggi

il punto
del direttore