Cerca

Domenica 19 Febbraio 2017 | 22:23

Viterbo

Maestri licenziati, via ai primi ricorsi: nel mirino i dirigenti

Maestri licenziati, via ai primi ricorsi: nel mirino i dirigenti

Alcune delle insegnanti escluse

Sono stati impugnati davanti al Tar del Lazio alcuni dei licenziamenti scattati nei giorni scorsi ai danni di 45 maestri elementari ritenuti privi di titolo valido.

Nel pomeriggio di venerdì 25 novembre 2016, nella sede della Cisl, alcune delle docenti finite a spasso, o in procinto di finirci, hanno incontrato in videoconferenza su Skype l’avvocato Valentina Piraino, che sta seguendo la loro vicenda.

Il legale ha annunciato appunto che, tra lunedì e martedì, presenterà al tribunale amministrativo una richiesta di sospensione cautelare dei licenziamenti sottolineando come, in questi casi, i tempi di risposta siano abbastanza brevi. 

Il caso riguarda maestri elementari in possesso del diploma sperimentale a indirizzo linguistico conseguito all’istituto Santa Rosa. Indirizzo che per il provveditore agli studi di Viterbo (LEGGI) non è da considerare equivalente a quello magistrale tradizionale e, pertanto, non abilitante all’insegnamento.

Di qui l’esclusione di questi docenti (finora 45, ma identica sorte potrebbe toccare a molti altri, al termine delle verifiche) dalle Gae provinciali, a differenza dei colleghi dell’indirizzo magistrale “classico” che invece, in virtù di un decreto del 2012, hanno ottenuto l’inserimento retroattivo nelle graduatorie.

E di qui anche i licenziamenti che alcuni dirigenti scolastici hanno già fatto scattare nei confronti di una decina di maestri. Quelli impugnati o in procinto di essere impugnati dal legale.


(Servizio completo sul Corriere di Viterbo del 26 novembre 2016 - COMPRA L'EDIZIONE DIGITALE)

Più letti oggi

il punto
del direttore