Cerca

Venerdì 20 Gennaio 2017 | 14:55

Acquapendente

Appalti truccati, indagini anche nella capitale

Appalti truccati, indagini anche nella capitale

Mentre il Tribunale del Riesame ha confermato la misura cautelare nei confronti dei cinque indagati (LEGGI), si profilano importanti novità sul fronte dell’inchiesta “Vox populi” sui presunti appalti truccati ad Acquapendente.

Il Riesame ha confermato dunque gli arresti domiciliari per Fabrizio Galli, Marco Bonamici, Ferrero Friggi, Giorgio Maggi e Vincenzo Palumbo, misura alla quale sono sottoposti dal 17 ottobre 2016; i reati ipotizzati dai pm di Viterbo Fabrizio Tucci e Stefano D’Arma sono corruzione, turbativa d’asta e rivelazione di segreti di ufficio.

La novità è che l’inchiesta si starebbe allargando; sembra infatti che, alla luce delle risultanze delle indagini svolte a Viterbo, i magistrati abbiano trasmesso alcuni fascicoli dell’inchiesta alla Procura di Roma.

In particolare sembra che la Procura della capitale abbia già aperto una sua inchiesta, che prende appunto le mosse da alcune risultanze dell’indagine viterbese.

Sarebbero state le intercettazioni telefoniche ad aprire questa nuova pista (LEGGI DELLE INTERCETTAZIONI).

(Servizio completo sul Corriere di Viterbo del 12 novembre 2016 - COMPRA L'EDIZIONE DIGITALE)

Più letti oggi

il punto
del direttore