Inchiesta appalti e telefonate a luci rosse: è sempre più giallo

Acquapendente

Inchiesta appalti e telefonate a luci rosse: è sempre più giallo

29.10.2016 - 10:29

0

E’ sempre più giallo sulla notizia, data da una testata on line, secondo la quale all’interno delle intercettazioni telefoniche dell’inchiesta sui presunti appalti truccati ad Acquapendente esisterebbero conversazioni a luci rosse tra un non meglio identificato politico e una sua amante. Di esse non esiste infatti traccia nelle carte ufficiali in mano ai legali. Come spiega l’avvocato Valentini - difensore di Galli, Friggi e Bonamici - “si tratta di una circostanza del tutto sconosciuta. Personalmente, ho chiesto chiarimenti ai pubblici ministeri, ma anche da parte loro è stata ribadito che non c’è nulla di nulla”.

Notizia allora inventata di sana pianta? “Trovo alquanto strano - prosegue Valentini - che un giornalista possa lavorare con tanta fantasia”. “Sarebbe gravissimo - aggiunge - se qualche inquirente avesse intercettato telefonate sessuali e, pur non avendole inserite nei fascicoli in quanto non attinenti all’indagine, sia andato a raccontarle. Personalmente, non credo neppure a quest’ultima eventualità, ma delle riflessioni vanno necessariamente fatte”.

Insomma, in teoria queste presunte intercettazioni “calde” potrebbero essere avvenute, ma non dovevano né potevano essere messe agli atti: non è consentito dalla legge. La stessa legge però vieta anche ai pubblici ufficiali che si occupano dell’ascolto e della trascrizione di raccontare in giro eventuali notizie di cui vengono a conoscenza e che non hanno rilevanza penale. “Motivo per cui - è il ragionamento di Valentini - bisogna andare in fondo a questa storia. Ripeto, non credo che qualcuno abbia raccontato qualcosa, ma si tratta di una mia convinzione e basta. A questo punto è necessario averne certezza”.

Nel frattempo Valentini fa sapere che sono state fissate per il 3 novembre 2016 le udienze del riesame sia per i sequestri effettuati, e in questo caso la competenza è in capo ai giudici di Viterbo, sia per quanto riguarda gli arresti: qui dovrà decidere Roma.

Fanno infine discutere sui social le considerazioni del segretario provinciale del Pd Andrea Egidi, secondo il quale la pubblicazione degli atti dell’inchiesta da parte dei giornali farebbe ravvisare una sorta di gogna mediatica ai danni degli ex amministratori finiti nell’indagine. “Persone - dice Egidi, riferendosi all’ex sindaco aquesiano - di provata moralità, che non si meritano questo trattamento”.

(Servizio completo sul Corriere di Viterbo del 29 ottobre 2016 - COMPRA L'EDIZIONE DIGITALE)

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Grasso all'assemblea LeU a Milano: "Disponibile ad alleanze"

Grasso all'assemblea LeU a Milano: "Disponibile ad alleanze"

(Agenzia Vista) Milano, 16 luglio 2018 "Liberi e Uguali è un oggetto politico autonomo ma non autosufficiente ma disponibile ad alleanze ma dopo che si sarà creato un proprio progetto e obiettivo. Non è questo il momento di parlare di alleanze, ciò però non significa che non ci possano essere". Lo ha detto il leader di Liberi e Uguali Pietro Grasso a margine dell'assemblea del partito a Milano ...

 
Cristiano Ronaldo presenta la maglia numero 7 con Andrea Agnelli

Cristiano Ronaldo presenta la maglia numero 7 con Andrea Agnelli

(Agenzia Vista) Piemonte Vda Torino, 16 luglio 2018 Cristiano Ronaldo si presenta per la sua prima conferenza in bianconero. L'asso portoghese, che ha presentato anche la sua nuova maglia numero 7 ha spiegato i motivi del suo passaggio dal Real alla Juve e la voglia di vinvere tutto in bianconero dopo i tanti e tanti successi della sua carriera. Courtesy rete 7 agenziavista.it

 
Cristiano Ronaldo fa la foto ai giornalisti presenti

Cristiano Ronaldo fa la foto ai giornalisti presenti

(Agenzia Vista) Piemonte Vda Torino, 16 luglio 2018 Cristiano Ronaldo si presenta per la sua prima conferenza in bianconero. L'asso portoghese, che ha presentato anche la sua nuova maglia numero 7 ha spiegato i motivi del suo passaggio dal Real alla Juve e la voglia di vinvere tutto in bianconero dopo i tanti e tanti successi della sua carriera. Courtesy rete 7 agenziavista.it

 
Cristiano Ronaldo alla Juve: Voglio essere sempre un esempio dentro e fuori dal campo

Cristiano Ronaldo alla Juve: Voglio essere sempre un esempio dentro e fuori dal campo

(Agenzia Vista) Piemonte Vda Torino, 16 luglio 2018 Cristiano Ronaldo si presenta per la sua prima conferenza in bianconero. L'asso portoghese, che ha presentato anche la sua nuova maglia numero 7 ha spiegato i motivi del suo passaggio dal Real alla Juve e la voglia di vinvere tutto in bianconero dopo i tanti e tanti successi della sua carriera. Courtesy rete 7 agenziavista.it

 
Il mondo della musica piange il maestro Caruso

lutto

Il mondo della musica piange il maestro Caruso

È morto all'età di 82 anni Pippo Caruso, maestro e direttore d'orchestra noto per aver preso parte a numerosi programmi televisivi di successo al fianco di Pippo Baudo, di ...

29.05.2018

È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018