Si indaga sulla rete di rapporti tra funzionari, imprenditori e politici

Acquapendente

Si indaga sulla rete di rapporti tra funzionari, imprenditori e politici

24.10.2016 - 10:08

0

Una fitta rete di rapporti tra dirigenti pubblici, imprenditori e politica, quella che gli inquirenti stanno cercando di decifrare con l’inchiesta Vox populi, nell’ambito della quale sono finiti in carcere, la settimana scorsa, il responsabile dell’ufficio tecnico di Acquapendente Vincenzo Palumbo, il suo predecessore ora in pensione Ferrero Friggi, il funzionario della Regione Giorgio Maggi e i due costruttori Fabrizio Galli e Marco Bonamici.

Una gelatina, si potrebbe pure definire, fatta talvolta anche di cene e pranzi. Come quella volta in cui a pranzo, in un agriturismo di Galli, avrebbe partecipato insieme a Friggi il consigliere regionale Enrico Panunzi. Nei giorni successivi Friggi chiamò Palumbo per sollecitargli l’indizione del bando e consigliargli una procedura ristretta ad inviti, privilegiando le aziende locali che non avrebbero dato problemi.

Sette, oltre a quello noto, i filoni di indagine (LEGGI), come si evince dall’ordinanza di custodia cautelare: tre sono del 2014, tre del 2015 e uno del 2016. Per quanto riguarda quest’ultimo, si apprende che sono stati effettuati sequestri anche nei giorni scorsi, o meglio la mattina stessa in cui sono stati eseguiti gli arresti: infatti, a Fabrizio Galli sono stati portati via anche documenti su fatti diversi da quelli per i quali è stato spiccato il mandato di cattura (fascicolo del 2014).

La stessa cosa è avvenuta al Comune di Acquapendente. Ma, a parte ciò, poco si sa dell’attività investigativa vera e propria, dell’oggetto specifico delle indagini, degli enti e delle persone coinvolte. Le quali tuttavia potrebbero essere numerosissime (LEGGI).

Sembra che un faro piuttosto potente sia stato acceso dai pubblici ministeri e dalla Guardia forestale sui lavori cosiddetti “di somma urgenza”, affidati sia tramite gara, sia senza, laddove, in quest’ultimo caso, pur se previsto dalla legge, non sarebbe in realtà esistita la necessità di adottare questa particolare procedura.

Gli investigatori cercano dunque di ricostruire tutti i passaggi di denaro.

(Servizio completo sul Corriere di Viterbo del 23 ottobre 2016 - COMPRA L'EDIZIONE DIGITALE)

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Mons. Galantino: morte Riina non sia abbassamento guardia

Mons. Galantino: morte Riina non sia abbassamento guardia

Bologna (askanews) - La morte del boss di Cosa Nostra, Totò Riina, non sia "un abbassamento rispetto a un problema grosso", come quello delle mafie, a cui sono legate tante altre persone. E' l'auspicio del segretario della Cei, mons. Nunzio Galantino. "Mi auguro, ma sono certo che sarà così - ha detto mons. Galantino a margine di un convegno promosso da Dems a Bologna - che la morte di Riina non ...

 
Gentiloni: mi aspetto da Ue riconoscimento progressi Italia

Gentiloni: mi aspetto da Ue riconoscimento progressi Italia

Goteborg (askanews) - "Sono ottimista per la ripresa della crescita in Italia, finalmente. E' una ripresa molto significativa. Attualmente le previsioni per quest'anno sono esattamente il doppio di quello che erano alcuni mesi fa. Poi certamente la crescita va incrementata, accompagnata e accudita, il bilancio italiano rispetta le regole Ue e accompagna questa crescita, dall'Ue non mi aspetto ...

 
Da lusso a necessità, con la domotica la casa si comanda via app

Da lusso a necessità, con la domotica la casa si comanda via app

Milano, 17 nov. (askanews) - Automazione per la sicurezza ed efficienza energetica delle abitazioni con l'obiettivo del risparmio: sono i due temi forti di Smart building Expo, nuovo format fieristico nell'ambito di Sicurezza 2017. Qui si parla di connettività: il piano banda ultra larga prevede investimenti di 10 miliardi di euro nei prossimi due anni ed entrerà direttamente nelle nostre case, ...

 
Salerno, i funerali delle 26 migranti morte in mare il 3 novembre

Salerno, i funerali delle 26 migranti morte in mare il 3 novembre

Salerno, (askanews) - Una rosa bianca su ciascuna delle 26 bare delle ragazze nigeriane morte in mare il 3 novembre scorso al largo delle coste libiche. Su un feretro anche una rosa azzurra e una rosa per ricordare i due bimbi mai nati di una delle due ragazze incinte che portava in grembo due gemelli. C'è stata grande commozione ai funerali di queste vittime della disperazione celebrati al ...

 
Ambra e Max, luna di miele a Venezia

Gossip

Ambra e Max, luna di miele a Venezia

La foto pubblicata dal periodico "Chi" è la prova provata che il rapporto fra Ambra Angiolini e Massimiliano Allegri si sta sempre più saldando. Dopo che lei è andata a ...

14.11.2017

Frizzi è tornato a casa

Il fatto

Frizzi è tornato a casa

Fabrizio Frizzi ha lasciato l'ospedale. Lo stretto riserbo sulle condizioni di salute del conduttore colpito da malore il 24 ottobre continua, ma Carlo Conti, durante un ...

06.11.2017

Ricco il cartellone della stagione teatrale del "Lea Padovani"

Montalto di Castro

Ricco il cartellone della stagione teatrale del "Lea Padovani"

Parte domenica 5 novembre 2017 la stagione teatrale del teatro comunale Lea Padovani di Montalto di Castro.  Sette gli spettacoli, con nomi e opere di grande prestigio. ...

01.11.2017