Tagli alla faggeta di Bassano: un crimine contro l'umanità

Bassano Romano

Tagli alla faggeta di Bassano: un crimine contro l'umanità

12.03.2016 - 10:39

0

Da una parte le faggete di Oriolo e Soriano, in attesa del riconoscimento per entrare a far parte della rete delle foreste patrimonio dell’umanità (LEGGI qui), dall’altra la faggeta di Bassano Romano, esclusa a causa dei tagli. Una vicenda che nel paese della Bassa Tuscia continua a tenere banco e ad infiammare gli animi. Diverse sono state nei giorni scorsi le prese di posizione di partiti politici e amministratori che, dal 2012 ad oggi, seppur condannando duramente l'operato dell’Università Agraria (ente che dovrebbe gestire l’uso civico dei beni collettivi), nei fatti poco o nulla hanno fatto per bloccare quello che si è rivelato essere un vero e proprio taglio industriale.

A tornare sulla vicenda e a fare chiarezza, è oggi colei che per anni si è battuta per denunciare lo scempio che stava avvenendo nella faggeta, la dottoressa Enza Ferri, coordinatrice della sezione tutela ambiente della Protezione Civile locale. “Sono bastati 40 giorni per distruggere un patrimonio naturale che ha cominciato a formarsi 40.000 anni fa – racconta amareggiata la Ferri - Nel piano di assestamento forestale 2005-2014, riguardante i 425 ettari di bosco di Bassano, è scritto che 90 ettari della faggeta millenaria dovevano essere lasciati integri per la conservazione”. E questo perché, proprio come riportato in un studio del professore dell’Unitus Valerio Frattura: “In un periodo in cui le tendenze climatiche sono indirizzate verso un innalzamento delle temperature, sarebbe molto pericoloso andare a stressare ulteriormente dinamiche rette da equilibri delicati, rischiando di compromettere una realtà unica in Italia e in Europa, già riconosciuta Sic (Sito di interesse comunitario) e Zps (Zona a protezione speciale)”. Considerazioni che sono però cadute nel vuoto.

“A nulla è valso tutto questo – prosegue la coordinatrice -  nonostante il fatto che, con protocollo  3115 dell’8 novembre 2011, l’Ente Parco Bracciano Martignano destinava a ‘Riserva naturale integrale’ la località Fonte Vitabbia, ultimi 25 ettari dei 90 destinati alla conservazione, ma già passati al taglio illegalmente come fosse  ceduo castanile. Numerose denunce sono state inviate dalla sottoscritta per bloccare i tagli nella faggeta, denunce che, non solo non hanno avuto risposta alcuna da nessuna parte istituzionale, ma hanno creato un ritardo fatale perché nel frattempo, con un documento illegittimo, il direttore dell’Ente Parco Bracciano Martignano Paolo Giuntarelli, autorizza il presidente dell’Agraria, Trento Quaglia, al taglio di 440 alberi nella stessa Riserva naturale integrale di Fonte Vitabbia (dove non si dovrebbero rimuovere neanche gli alberi che cadono naturalmente ndr)”. Ed è proprio a seguito di questa autorizzazione che viene meno la condizione alla candidatura Unesco, riconoscimento che prevede un bosco sviluppatosi naturalmente senza interventi umani da almeno 30 anni.

“Arriviamo così a marzo 2012 quando gli alberi abbattuti nella Riserva integrale sono diventati 1180, senza che nessuno abbia fatto tentativo di fermare lo scempio. Quando dico ‘nessuno’, intendo nessuno”. E’ così che, il 29 marzo 2012, la dottoressa Ferri decide di rivolgersi alla Procura. Ormai, però, quell’eredità della natura che era la faggeta millenaria era andata perduta, tra l’indifferenza generale.

“Alla cancelleria del tribunale penale di Viterbo – conclude Enza Ferri - mi è stato richiesto se volevo, in quanto parte offesa per aver presentato la denuncia, costituirmi parte civile. Ho ritenuto che questo sia un ruolo che appartiene al Comune in quanto rappresentante dei beni collettivi. Io, rappresentata dall’avvocato Roberto Merlani, devo ora rispondere di una denuncia per diffamazione, presentata dall’imputato Trento Quaglia nei miei confronti. Personalmente ritengo che, la distruzione di questi patrimoni della natura che giungono a noi integri attraverso migliaia di anni, considerando anche l’importanza che rivestono per il clima come sopravvivenza umana, non siano solo crimini ambientali, ma contro l’umanità”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Quintana, ecco l'istante in cui si infila l'anello
La giostra più difficile che mai

Quintana, ecco l'istante in cui si infila l'anello

Eccoli i signori dell'Anello! Ecco i cavalieri di Foligno alla Quintana del giugno 2018. Ecco il campione della regolarità, il cavaliere Pertinace che porta il Cassero al trionfo beffando Croce Bianca all'ultima manche. Ma ecco soprattutto la magia dello zoom al rallentatore nelle immagini girati dal Corriere dell'Umbria mentre i cavalieri infilzano e infilzano e infilzano (nove volte alla fine) ...

 
Aquarius, odissea finita. E ora cosa accade ai 630 migranti?

Aquarius, odissea finita. E ora cosa accade ai 630 migranti?

Valencia, (askanews) - L'odissea è finita: i 630 migranti a bordo delle navi Aquarius, Dattilo e Orione, hanno finalmente toccato terra, sbarcando a Valencia dopo 9 giorni di navigazione. Ma per loro si apre ora un grande interrogativo sul futuro. Dove potranno vivere? Cosa faranno ora? E soprattutto saranno rispediti nelle loro terre di origine? A quanto annunciato dal premier spagnolo Pedro ...

 
Altro

Borsa: europee chiudono in rosso, a Piazza Affari giù Snam e Poste

Le Borse europee archiviano in rosso la seduta odierna di scambi. I timori per un ulteriore inasprimento della guerra commerciale tra Usa e Cina sui dazi appesantisce i mercati del Vecchio continente che, sulla scia di Wall Street, chiudono con il segno meno, lasciando sul terreno perdite che oscillano tra lo 0,40% di Milano e l’1,36% di Francoforte.  Unica piazza in controtendenza è Londra, che ...

 
A Londra svelata "Mastaba", la nuova opera gigante di Christo

A Londra svelata "Mastaba", la nuova opera gigante di Christo

Londra (askanews) - Esattamente a due anni di distanza dai Floating Piers del Lago d'Iseo, è stata svelata a Londra la nuova opera gigante dell'artista Christo: si chiama Mastaba. E' stata allestita nel lago Serpentine di Hyde Park a Londra. Si tratta di una struttura composta da 7.506 barili colorati che poggiano su una piattaforma di cubetti di plastica. L opera sarà visibile dal 19 giugno fino ...

 
Il mondo della musica piange il maestro Caruso

lutto

Il mondo della musica piange il maestro Caruso

È morto all'età di 82 anni Pippo Caruso, maestro e direttore d'orchestra noto per aver preso parte a numerosi programmi televisivi di successo al fianco di Pippo Baudo, di ...

29.05.2018

È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018