Cerca

Sabato 25 Febbraio 2017 | 21:24

CASTEL SANT'ELIA

Sciarpe contraffatte, la Juventus chiede i danni

Sciarpe contraffatte, la Juventus chiede i danni

Da una parte la titolare di un piccolo laboratorio di maglieria, dall’altra la più titolata e prestigiosa società di calcio d’Italia, ossia la Juventus che è intenzionata a chiedere i danni per quelle sciarpe, prodotte appunto nel piccolo laboratorio, con la scritta “Forza bianconeri”. A processo per rispondere dei reati di commercializzazione di prodotti falsi e ricettazione la titolare del laboratorio-magazzino, la signora C. S. incriminata dopo la denuncia partita dalla Guardia di Finanza. Nel processo si è costituita parte civile la Juventus.
Tutto nasce dopo che il 31 gennaio del 2012 la finanza sequestrò, all’interno del laboratorio diversi rotoloni di sciarpe o sciarpe già finite con le scritte “Forza bianconeri”, “Forza nerazzurri”, “Forza rossoneri”. Inoltre durante il controllo la finanza sequestrò anche dei portachiavi, dei calzini e delle bandierine, sempre con le stesse scritte.
“Si trattava di materiale prodotto molti anni prima che stava ancora invenduto in magazzino perché non era andato”, ha detto il marito dell’imputata che è stato ascoltato in aula. 

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 17 FEBBRAIO O NELL'EDICOLA DIGITALE

Più letti oggi

il punto
del direttore