Civita Castellana, completamente sparite le "vecchie" cabine telefoniche a gettoni

Civita Castellana, completamente sparite le "vecchie" cabine telefoniche a gettoni

Eppure c'è ancora chi le cerca: passeggero dimentica a casa il cellulare ma non sa come avvertire la moglie del ritardo del treno

05.05.2013

0

Stazione di Borghetto: cercasi disperatamente un telefono pubblico. L’era dei cellulari ha spazzato via in poco tempo la presenza nelle strade e nelle piazze delle città italiane le famose cabine telefoniche che funzionavano a gettone o a moneta.
Oggi sul territorio nazionale se ne contano davvero pochi. Ma è pur vero che, almeno in alcuni luoghi pubblici assai frequentati ed importanti, come appunto le stazioni ferroviarie, la loro mancanza diventa problematica. Chi infatti non possiede un cellulare (non è mica obbligatorio) oppure, per una qualsiasi ragione, non lo porta con sé o se lo porta con sé non funziona improvvisamente, e deve avvertire i propri familiari di un imprevisto, si trova in una imbarazzante situazione di isolamento.
Un episodio del genere è accaduto al signor Rolando che dichiara: “Mi ero dimenticato il cellulare a casa. Dovevo prendere il treno, ma l’altoparlante della stazione ha avvertito gli utenti che era in forte ritardo. Non sapevo allora come avvertire mia moglie perché non esiste un telefono pubblico. Fortunatamente ho potuto chiamare a casa grazie alla gentilezza del barista che mi ha fatto utilizzare il telefono del bar”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery