Civita Castellana, ha chiuso anche l'ultimo cinema. Una sconfitta sociale e culturale

Civita Castellana, ha chiuso anche l'ultimo cinema. Una sconfitta sociale e culturale

Dopo decenni, ieri ha chiuso i battenti il cinema Florida

04.04.2013 - 16:25

0

E Civita Castellana rimane senza sale cinematografiche. Sembra, è proprio il caso di dirlo, di assistere alla trama di un brutto film che mai nessuno si sarebbe sognato di vedere, invece purtroppo è la pura e amara realtà delle cose. Ieri il cinema Florida ha chiuso i battenti dopo decenni di gloriosa presenza. Sulle poltrone della sua grande sala intere generazioni hanno vissuto forti emozioni e sensazioni profonde, immedesimandosi nelle avventure e nelle storie drammatiche e divertenti dei propri idoli di celluloide. La stessa triste sorte era toccata alcuni anni fa all'altro storico cinema civitonico, il cinema Flaminio.

Per la cittadina falisca rimasta ora orfana di sale cinematografiche, si tratta di una grave sconfitta sul piano culturale. Ma come è possibile che una cittadina di diciassettemila persone, seconda per numero di abitanti nella provincia di Viterbo, sia rimasta priva di un cinema?

Le cause di questa “eclisse”
è dovuta innanzitutto agli alti costi di gestione della struttura che, per essere sostenuti, dovrebbero essere accompagnati da frequenti pienoni e da pingui incassi. Altrimenti la passione e la buona volontà non sono sufficienti a compiere miracoli. In secondo luogo va sottolineata la spietata concorrenza delle modernissime multisale che sono proliferate, negli ultimi anni, in alcuni paesi vicini a Civita Castellana e che inevitabilmente, con la loro ampia e varia offerta di visioni , hanno tolto alla sala cinematografica civitonica un gran numero di clienti. Da non sottovalutare infine la presenza di internet, dove i film sono facilmente scaricabili e visibili in casa propria, e lo stesso noleggio dei dvd nelle videoteche che va per la maggiore. Rimane comunque il fatto che adesso per i civitonici godere un film in prima visione non è più possibile, occorre recarsi per forza di cose altrove. Una sconfitta culturale e sociale per la cittadina falisca che contribuisce ancora di più a mettere in evidenza la crisi imperante.

A cura di Alfredo Parroccini

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sisma Ischia, Vigili del Fuoco: così abbiamo salvato i 3 fratelli

Sisma Ischia, Vigili del Fuoco: così abbiamo salvato i 3 fratelli

Ischia (askanews) - Un salvataggio lungo e difficoltoso. Luca Cari, responsabile della comunicazione emergenza dei Vigili del fuoco, racconta come sono stati estratti dalle macerie e riportati alla vita i tre fratellini sepolti per ore sotto la loro casa crollata dopo una scossa di terremoto di magnitudo 4.0 a Ischia. "Il lavoro è lunghissimo si è trattato di rompere pezzo a pezzo il solaio di ...

 
Sisma Ischia, la rabbia dei residenti: additati come abusivi

Sisma Ischia, la rabbia dei residenti: additati come abusivi

Ischia (askanews) - Ad Ischia ci sono 600 case abusive con ordine definitivo di abbattimento e 27 mila pratiche di condono presentate in occasione di tre sanatorie nazionali. Una situazione, fotografata da Legmabiente, che ha aumentato gli effetti della scossa di magnitudo 4.0 sull'isola, insieme alla particolare struttura morfologica del territorio. Ma gli ischitani reagiscono con rabbia ad ...

 
"A Ciambra", i rom di Gioia Tauro nel film voluto da Scorsese

"A Ciambra", i rom di Gioia Tauro nel film voluto da Scorsese

Roma (askanews) - Martin Scorsese lo ha definito "bello e commovente": "A Ciambra" di Jonas Carpignano, nei cinema dal 31 agosto, è ambientato nel quartiere di Gioia Tauro dove vivono da circa trent'anni molte famiglie rom. Carpignano è entrato in contatto con una di loro, gli Amato, e li ha convinti a diventare protagonisti e interpreti del suo film. Al centro del racconto il giovane Pio e il ...

 
Sisma Ischia, il bimbo appena salvato: sono vivo, tranquilli

Sisma Ischia, il bimbo appena salvato: sono vivo, tranquilli

Ischia (askanews) - "Sono vivo, state tranquilli". Sono queste le prime parole di uno dei tre fratelli estratti vivi dalle macerie della loro casa a Ischia, come racconta Monica Impagliazzo, una anestesista-rianimatrice del Fatebenefratelli di Milano che ha assistito in prima persona al salvataggio di Ciro, il più grande dei tre. Era "un po' più indebolito, provato - ha raccontato - è quello che ...

 
il gabibbo striscia la notizia

"STRISCIA LA NOTIZIA" IN LUTTO

E' morto il Gabibbo: Gero Cardarelli stroncato da un male incurabile

E' morto Gero Cardarelli, che per 27 anni è stato la vera anima del Gabibbo. Gero era infatti l'uomo che animava, da dentro, il celebre pupazzo rosso di "Striscia la notizia"....

20.08.2017

Jerry Lewis

Jerry Lewis

LUTTO NEL MONDO DELLO SPETTACOLO

Addio a Jerry Lewis, genio della comicità

È morto a Las Vegas, a 91 anni, l’attore statunitense Jerry Lewis, considerato dalla critica uno dei comici più celebri dello spettacolo Usa. Lo ha riportato alle 19.55 (ora ...

20.08.2017

Vulci "promosso" da Fabrizio Moro: "Tra qualche anno top in Italia"

Montalto di Castro

Vulci "promosso" da Fabrizio Moro: "Tra qualche anno top in Italia"

«Tra qualche anno Vulci sarà il Festival più bello d'Italia». Lo ha detto Fabrizio Moro, domenica 13 agosto 2017, all'ultimo appuntamento in programma del Vulci Music Fest, ...

17.08.2017