Civita Castellana, ha chiuso anche l'ultimo cinema. Una sconfitta sociale e culturale

Civita Castellana, ha chiuso anche l'ultimo cinema. Una sconfitta sociale e culturale

Dopo decenni, ieri ha chiuso i battenti il cinema Florida

04.04.2013 - 16:25

0

E Civita Castellana rimane senza sale cinematografiche. Sembra, è proprio il caso di dirlo, di assistere alla trama di un brutto film che mai nessuno si sarebbe sognato di vedere, invece purtroppo è la pura e amara realtà delle cose. Ieri il cinema Florida ha chiuso i battenti dopo decenni di gloriosa presenza. Sulle poltrone della sua grande sala intere generazioni hanno vissuto forti emozioni e sensazioni profonde, immedesimandosi nelle avventure e nelle storie drammatiche e divertenti dei propri idoli di celluloide. La stessa triste sorte era toccata alcuni anni fa all'altro storico cinema civitonico, il cinema Flaminio.

Per la cittadina falisca rimasta ora orfana di sale cinematografiche, si tratta di una grave sconfitta sul piano culturale. Ma come è possibile che una cittadina di diciassettemila persone, seconda per numero di abitanti nella provincia di Viterbo, sia rimasta priva di un cinema?

Le cause di questa “eclisse”
è dovuta innanzitutto agli alti costi di gestione della struttura che, per essere sostenuti, dovrebbero essere accompagnati da frequenti pienoni e da pingui incassi. Altrimenti la passione e la buona volontà non sono sufficienti a compiere miracoli. In secondo luogo va sottolineata la spietata concorrenza delle modernissime multisale che sono proliferate, negli ultimi anni, in alcuni paesi vicini a Civita Castellana e che inevitabilmente, con la loro ampia e varia offerta di visioni , hanno tolto alla sala cinematografica civitonica un gran numero di clienti. Da non sottovalutare infine la presenza di internet, dove i film sono facilmente scaricabili e visibili in casa propria, e lo stesso noleggio dei dvd nelle videoteche che va per la maggiore. Rimane comunque il fatto che adesso per i civitonici godere un film in prima visione non è più possibile, occorre recarsi per forza di cose altrove. Una sconfitta culturale e sociale per la cittadina falisca che contribuisce ancora di più a mettere in evidenza la crisi imperante.

A cura di Alfredo Parroccini

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Cinema, il premio Lumière al regista Wong Kar-wai

Cinema, il premio Lumière al regista Wong Kar-wai

Lione, (askanews) - Il Lumiere Film Festival di Lione celebra il regista di Hong Kong Wong Kar-wai. L'autore di "In the Mood for love" (2000), che ha ottenuto fama internazionale e il premio come miglior regista (con "Happy together") al Festival di Cannes nel 1997, riceverà il premio Lumière. "Lasciatemi dire prima qualcosa, prima di tutto sono molto onorato di essere in questa città dove è ...

 
Berlusconi: se ok Strasburgo sarò candidato, altrimenti regista

Berlusconi: se ok Strasburgo sarò candidato, altrimenti regista

Capri (askanews) - Selfie, strette di mano, grandi sorrisi. Un bagno di folla a Capri per Silvio Berlusconi, ospite del Convegno dei Giovani di Confindustria. Sceso dalla macchina in piazzetta, il leader di Forza Italia ha raggiunto a piedi l'Hotel Quisisana dove si tiene il convegno ricevendo un'accoglienza calorosa lungo le stradine dell'isola. L'ex presidente del Consiglio si è concesso anche ...

 
Al via Host, vetrina internazionale per ristorazione e ospitalità

Al via Host, vetrina internazionale per ristorazione e ospitalità

Milano, 20 ott. (askanews) - La 40esima edizione di Host, la manifestazione di Fiera Milano dedicata alll'ospitalità e alla ristorazione, si apre nel segno dei grandi numeri: crescono le aziende partecipanti +7,7% da 52 Paesi, 843 espositori dall'estero, il 13,4% in più rispetto alla scorsa edizione, 1.500 hosted buyer da tutti i Continenti. Una vetrina e un'occasione di business per le aziende ...

 
Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

Berlusconi VS Sorrentino

Film e polemiche

Berlusconi VS Sorrentino

Dalla conferenza per appoggiare il referendum sull'autonomia in Lombardia e Veneto, Silvio Berlusconi coglie l'occasione di rispondere a una domanda sul nuovo film di Paolo ...

18.10.2017

Elio e le storie tese si sciolgono

Musica

Elio e le storie tese si sciolgono

"Ci vuole l'intelligenza di capire di essere fuori dal tempo. Youtuber, rapper, influencer: queste sono le persone che parlano ai giovani oggi. Staremo insieme fino al 2017, ...

18.10.2017