Cerca

Giovedì 19 Gennaio 2017 | 14:04

Dimensionamento scolastico. E' arrivato il giorno della verità

Si esprimono stamattina i membri della Commissione pubblica istruzione della Provincia

Questa mattina i membri della Commissione pubblica istruzione dell'amministrazione provinciale sono chiamati ad esprimersi sul nuovo dimensionamento scolastico 2013-2014 della Tuscia. Come già anticipato pochi giorni fa dal Corriere di Viterbo, a Civita Castellana si prevede la nascita di due Poli distinti. L'Istituto Giuseppe Colasanti dovrebbe diventare un Polo liceale formato dal Liceo classico, dal Liceo scientifico di Civita Castellana e dal Liceo linguistico - scientifico di Nepi (che verrà tolto al Midossi) per un totale di 870 alunni. L'istituto Ulderico Midossi si trasformerebbe invece in un Polo tecnico - professionale composto dal Liceo artistico di Civita Castellana, dal Liceo artistico di Vignanello, dall'Itc di Civita Castellana (che ora fa parte del Colasanti e noto come ex Orioli) e dall' Itis, per un totale di 750 studenti. Ma è tutto oro quello che luccica? Secondo numerosi addetti ai lavori, in particolar modo secondo molti docenti, questa operazione è contestabile per vari motivi. Innanzitutto riguardo alla procedura. A differenza degli scorsi anni, la Provincia non ha chiesto un doveroso parere consultivo alle scuole sotto forma di delibera dei consigli d'istituto; si è limitata soltanto a contattare i Comuni interessati di Civita Castellana, Nepi e Orte. Sotto accusa anche il sindaco Gianluca Angelelli, che non avrebbe informato del nuovo dimensionamento scolastico né presidi né docenti né tantomeno il direttivo del suo partito, il PD che governa le sorti del paese.

Notizia integrale nel Corriere di Viterbo del 14 novembre 2012
a cura di Alfredo Parroccini

Più letti oggi

il punto
del direttore