Quattro gatti uccisi, minacce scritte contro una colonia felina

Uno dei gatti uccisi a Civitella d'Agliano

Viterbo

Quattro gatti uccisi, minacce scritte contro una colonia felina

08.11.2017 - 14:25

0

Minacce nei confronti di alcuni gatti, organizzati in una piccola colonia che ne conta 8 in tutto, accuditi da una cittadina civitonica, che nei giorni scorsi ha trovato su una cancellata un biglietto riportante pesanti minacce di morte nei confronti dei randagi. La situazione della colonia è monitorata dalle guardie zoofile Oipa Viterbo, che nei giorni scorsi in una nota hanno ricordato che l'uccisione degli animali è perseguibile secondo l'art. 544 bis del codice penale, sottolineando inoltre che la cittadina in questione non crea disagio alcuno attraverso l'accudimento dei gatti, dal momento che li rifocilla avendo cura di non sporcare e senza entrare in alcuna proprietà privata. Se a Civita Castellana si sono limitati alle minacce, a Civitella d'Agliano invece 4 gatti sono stati barbaramente uccisi, alcuni addirittura usando dell'acido, mentre altri sono spariti da una colonia regolarmente censita, che ne contava 20 di entrambi i sessi e di diverse età. Un bilancio pesante, ma non definitivo purtroppo, che vede la mano dell'uomo scagliarsi in maniera violenta contro l'animale. Un'ordinanza del 10 febbraio 2015 emanata dal Ministero della salute, come proroga di altre precedenti, fa divieto assoluto a "chiunque di utilizzare in modo improprio, preparare, miscelare ed abbandonare esche e bocconi avvelenati o contenenti sostanze tossiche o nocive…". La seconda parte della stessa ordinanza prevede una procedura invece alla quale adempiere in caso di avvelenamento, ossia l'obbligo da parte del "proprietario o responsabile dell'animale deceduto a causa di esche o bocconi avvelenati" di segnalare l'episodio alle autorità competenti, tramite il veterinario di fiducia il quale emetterà la sua diagnosi. Non soltanto il proprietario dell'animale, ma anche il medico veterinario ha degli obblighi nel caso in cui la diagnosi riporti una sintomatologia riconducibile all'avvelenamento, cioè quello di darne comunicazione sia al sindaco che al Servizio veterinario dell'azienda Sanitaria locale. La direttiva riporta poi una serie di comportamenti da tenere, da parte dei soggetti in causa, nel caso di decesso dell'animale avvelenato. "Le statistiche parlano di un caso di avvelenamento al giorno di animali d'affezione, quelli denunciati naturalmente - ha spiegato Mauro Elefante coordinatore regionale Lazio guardie zoofile Oipa e consigliere nazionale OIpa Italia- L'Oipa sta monitorando queste gravi situazioni, che sono punite secondo l'articolo 544 bis del codice penale. Desidero però sollecitare tutte le autorità competenti citate nell'ordinanza del 10 febbraio 2015, affinché mettano in atto quanto prescritto dalla legge per poter combattere efficacemente questi atti criminali”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Casa delle Donne a Roma, il Senato si mobilita contro lo sfratto

Casa delle Donne a Roma, il Senato si mobilita contro lo sfratto

Roma, (askanews) - È lo storico centro del femminismo romano, diventato in quasi 40 anni di vita una vera e propria "istituzione" per la promozione culturale e sociale del mondo femminile che va ben oltre il panorama della capitale. La Casa Internazionale delle Donne a Trastevere ora rischia però la chiusura a causa proprio di un contenzioso con il Campidoglio guidato da Virginia Raggi. La ...

 
Addio allo schermo? Come sta cambiando l'arte contemporanea

Addio allo schermo? Come sta cambiando l'arte contemporanea

Milano (askanews) - E' stata una delle opere d'arte simbolo degli ultimi anni, premiata alla Biennale di Venezia del 2013 e poi in giro per i musei più importanti del mondo. "Grosse Fatigue" di Camille Henrot sembra per certi versi rappresentare l'opera d'arte perfetta per il mondo contemporaneo, con il suo mix di visionarietà e di enciclopedismo. Eppure quello schermo che è l'elemento ...

 
Enel: arrivano i droni nella centrale di Civitavecchia

Enel: arrivano i droni nella centrale di Civitavecchia

Roma, (askanews) - Arrivano i droni nella centrale Enel di Torrevaldaliga Nord di Civitavecchia. A loro sarà affidato il compito di supportare le attività di esercizio, manutenzione e protezione dell'impianto, grazie a soluzioni sviluppate da due star-up: Convexum e Percepto. In particolare, la start-up "Convexum" ha sviluppato un sistema in grado di impedire il sorvolo dell'impianto da parte di ...

 
È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018

Michelle Hunziker: "Niente sesso negli anni più belli della mia vita"

La rivelazione

Michelle Hunziker: "Niente sesso negli anni più belli della mia vita"

Michelle Hunziker, ospite della trasmissione Quarto Grado, ha raccontato quali sono state le imposizioni alle quali doveva sottostare imposte dalla setta dei Gelsomini di cui ...

15.01.2018