Cinquant'anni di storia: la tabaccheria Pallotta

Viterbo

Cinquant'anni di storia: la tabaccheria Pallotta

08.05.2017 - 18:11

0

Quando lui e quella che di lì a poco sarebbe diventata sua moglie aprirono la tabaccheria in via Cairoli a Viterbo, Saul Pallotta e la signora Adonella erano giovanissimi, le sigarette non erano ancora “al bando” e mancava ancora un anno alle contestazioni studentesche. Era il Primo Maggio del 1967 quando la Tabaccheria Pallotta aprì i battenti; l’altro giorno sono stati
festeggiati i suoi cinquant’anni. “Potrei scriverci un libro - scherza Saul - ‘le memorie di un tabaccaio’”. Di storie qui ne sono passate tante, anche perché in questo mezzo secolo i clienti sono diventati quasi tutti anche amici, e il negozio è diventato anche un crocevia di racconti e aneddoti. “Quando abbiamo iniziato - racconta Pallotta - non è stato facile, non avevamo niente, si dormiva anche in negozio. Io venivo da Acquapendente, la mia fidanzata da Bassano Romano. Arrivavamo a Viterbo col pullman e col pullman tornavamo a casa. Con i primi soldi comprammo una macchinetta, costò 150mila lire, ed erano sempre giri tra Bassano, Acquapendente e Viterbo. Poi a luglio ’68 ci sposammo e pian piano si cominciò ad avere un po’ di tranquillità”. Ma se i tempi non erano facili, aggiunge, d’altra parte erano “meravigliosi: c’erano poche marche di sigarette, perlopiù si vendevano sfuse; poi c’erano le caramelle da una lira, che servivano anche da resto”.

Il ricordo corre anche agli anni in cui “c’erano tanti militari in città, prendevano il pullman qui al Sacrario, eravamo un crocevia popolatissimo, tra avieri e loro famiglie, praticamente non facevamo neanche feste”. Col passare degli anni il mercato è cambiato: prima il boom con le pagine delle riviste piene di marche di tabacchi, la Formula Uno, i film con la sigaretta sempre in primo piano... poi la campagna contro il fumo, i divieti, le restrizioni. Saul Pallotta è riuscito a stare al passo con i tempi in ognuno di questi snodi, ristrutturando tre volte il locale nel corso di questi cinquant’anni e ampliando la sua offerta: la grande scelta di sigari toscani e avana, gli articoli per fumatori, le pipe... fino a vantare oggi un campionario capace di far brillare gli occhi ad ogni amante del genere. C’è stato anche il tempo di dedicarsi alle premiazioni sportive: coppe e targhe che si assegnavano in città - e non solo - erano tutte opera sua; poi quel mercato pian piano si è ridotto e l’attività è stata lasciata. “Però abbiamo aperto il negozio specializzato in penne Montblanc, gestito da nostra figlia Serena in via della Sapienza”.
Nel 2015 la tabaccheria Pallotta ha registrato il record italiano di vendita di sigari toscani: oltre 30.500: “E se ci mettiamo anche i cubani superiamo i 50mila”; con clienti che arrivano anche da altre città e non solo da quelle vicine. “Per il cinquantennale - ci dice ancora Saul - ci sono arrivati auguri un po’ da tutta Italia”. E alla festicciola organizzata in negozio si sono ritrovati la famiglia Pallotta e le persone che vi hanno lavorato in tutto questo tempo, a testimoniare un legame affettivo, oltre che lavorativo, davvero poco usuale. Probabilmente la stessa ragione che fa sì che questa insegna sia qui da mezzo secolo mentre le mode, le leggi e i costumi sono cambiati in modo radicale.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Gasparri: non capoisco che problema sia Savona per Mattarella
Il senatore di Forza Italia

Gasparri: non capoisco che problema sia Savona per Mattarella

aurizio Gasparri, senatore responsabile degli enti locali per Forza Italia, ieri era in tour elettorale in Umbria, ed è venuto al gruppo Corriere scambiando qualche opinione su quel che sta accadendo nella capitale, con il tentativo di formare il governo (che gli azzurri avverseranno) impantanato sulla nomina di Paolo Savona all'Economia. Sorride Gasparri “per l'ironia del momento politico”. E ...

 
Fallico: il business internazionale è stanco di sanzioni a Russia

Fallico: il business internazionale è stanco di sanzioni a Russia

San Pietroburgo, (askanews) - L'edizione 2018 del Forum di San Pietroburgo ha dimostrato che il business e le aziende sono sempre più insofferenti nei confronti del regime di sanzioni contro la Russia: ne è convinto Antonio Fallico, presidente dell'Associazione Conoscere Eurasia e di Banca Intesa Russia. "Questo forum ha registrato ufficialmente più di 22.000 persone che provengono da 100 paesi. ...

 
Elicotteri di Russia: pronti a cooperazione con Leonardo

Elicotteri di Russia: pronti a cooperazione con Leonardo

San Pietroburgo (Russia), (Askanews) - Elicotteri di Russia al forum economico internazionale di San Pietroburgo, dopo una presentazione particolarmente importante a Mosca del VRT500, un elicottero di produzione russa, multi ruolo, di grande manovrabilità, assolutamente nuovo, sviluppato con un team internazionale di ingegneri. Ce ne parla Andrey Boginsky, ex viceministro del commercio e ...

 
Quando cadono le stelle (dello spettacolo): gli scivoloni sul palco

Quando cadono le stelle (dello spettacolo): gli scivoloni sul palco

L'ultimo è stato Bono Vox, scivolato durante il live allo United Center di Chicago. Ma le cadute recenti dei grandi del mondo dello spettacolo sono state tante. Eccone alcune, da Morandi, 'volato' giù dal palco, a Madonna, inciampata all'indietro durante la sua performance ai Brit Award.

 
È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018

Michelle Hunziker: "Niente sesso negli anni più belli della mia vita"

La rivelazione

Michelle Hunziker: "Niente sesso negli anni più belli della mia vita"

Michelle Hunziker, ospite della trasmissione Quarto Grado, ha raccontato quali sono state le imposizioni alle quali doveva sottostare imposte dalla setta dei Gelsomini di cui ...

15.01.2018