In 38 lasciati
senza soldi

VITERBO

In 38 lasciati
senza soldi

Si fa sempre più drammatica la situazione dei lavoratori delle ex Esattorie

01.04.2014 - 12:27

0
Senza soldi da tre mesi, con il rischio di essere licenziati già nelle prossime ore se non arriverà una proroga della cassa integrazione. Si fa sempre più drammatica la situazione dei 38 lavoratori ex Esattorie spa che, dal 1˚ luglio dello scorso anno sono senza lavoro. La cassa integrazione in deroga, che era stata accordata all’azienda con un’intesa ministeriale (sono coinvolte più Regioni, ndr), è scaduta ieri. Se non cambia nulla i lavoratori rischiano così di ricevere le lettere di licenziamento e per loro ci sarà solo qualche mesedi sussidio di disoccupazione. Tuttavia l’azienda ha già fatto richiesta di una proroga dell’ammortizzatore sociale ottenuto in deroga. Richiesta che è appoggiata anche dai sindacati e che, a quanto sembra, dovrebbe essere accettata nei prossimi giorni: “Mercoledì (domani, ndr) abbiamo un incontro in Prefettura - dice il segretario della Filcams-Cgil,Carlo Proietti - avanzeremo la nostra proposta, perché è basilare per questi lavoratori poter contare ancora su un ammortizzatore sociale, ci è stato assicurato, anche a livello ministeriale, che la proroga ci sarà”. Ma per adesso la dura realtà è che da mesi gli ex lavoratori di Esattorie spa hanno un ammortizzatore sociale, ma solo sulla carta. Hanno ricevuto gli assegni da luglio a dicembre del 2013. Poi più nulla. Nel 2014 non c’è stato un solo accredito nel loro conto corrente. “L’accordo per la cassa integrazione fino al 31 marzo - spiega Carlo Proietti - è stato firmato al ministero, ma ancora non è stato emanato il decreto governativo per sbloccare i fondi. E’ una situazione insostenibile per molti lavoratori, ma stiamo facendo di tutto per velocizzare il pagamento”. Oltre agli assegni per la cassa integrazione arretrata gli ex dipendenti di Esattorie spa sono in credito anche di tre stipendi -aprile,maggio e giugno 2013 - del Tfr, delle ferie e dei permessi. Malgrado le sollecitazioni il liquidatore della società non ha ancora inviato quanto spetta loro. “Recentemente il liquidatore - continua il sindacalista della Filcams-Cgil - ha inviato una lettera a tutti i dipendenti chiedendo conferma dei crediti vantati, finita questa fase dovrebbe partire l’iter per arrivare ai pagamenti. Certo, ci troviamo a dover fare i conti con i tempi della giustizia e dei tribunali, ma solleciteremo il più possibile”. Si parlerà anche di questo aspetto della problematica legata ai lavoratori Esattorie spa durante il tavolo promosso in Prefettura per domani. Saranno presenti tutti i rappresentanti delle sigle sindacali, il presidente della Provincia Marcello Meroi, i sindaci e gli amministratori comunali dei Comuni che riscuotevano con Esattorie. La priorità, per adesso, è ottenere una proroga della cassa integrazione in deroga. 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Immigrazione, Tusk e Juncker chiedono ai leader Ue più risorse

Immigrazione, Tusk e Juncker chiedono ai leader Ue più risorse

Bruxelles (askanews) - Durante il Consiglio europeo a Bruxelles, il presidente Donald Tusk ha elogiato l'impegno dell'Italia nell'arginare i flussi migratori, una situazione che sta migliorando, e ha chiesto ai leader degli Stati Ue più fondi per i prossimi anni. "L'Italia ci aiuta, e noi dobbiamo fare altrettanto con l'Italia", ha detto Tusk. Anche il presidente della Commissione europea, ...

 
Vertice Ue, Tusk: nessuno spazio per intervento Ue in Catalogna

Vertice Ue, Tusk: nessuno spazio per intervento Ue in Catalogna

Bruxelles (askanews) - Non esiste "alcuno spazio" per un intervento dell'Unione Europea nella crisi politica catalana: lo ha dichiarato il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, in una conferenza stampa tenuta in occasione dell'apertura del vertice dei 27 a Bruxelles. "La nostra posizione, delle istituzione e degli stati membri, è chiara, formalmente non vi è alcuno spazio per un ...

 
L'altra faccia delll'America: tre mostre politiche su Chicago

L'altra faccia delll'America: tre mostre politiche su Chicago

Milano (askanews) - L'altra faccia del sogno artistico del Novecento americano. Seguendo i percorsi mai banali del suo curatore Germano Celant, Fondazione Prada presenta nella sua sede di Milano un trittico di mostre concentrate su Chicago, dopo aver esplorato Los Angeles con le mostre su William Copley e i Kienholz, che restituiscono il senso delle cosiddette "second cities" americane. E dunque ...

 
ABB: studenti in fabbrica per vedere il lavoro del futuro

ABB: studenti in fabbrica per vedere il lavoro del futuro

Dalmine (askanews) - Una giornata in fabbrica per lanciare uno sguardo sui lavori e le tendenze tecnologiche e produttive dell'immediato futuro. E' il Secondary Technical School Day - o STS Day - organizzato a Dalmine da ABB: una giornata di studio e incontri dedicata ai ragazzi degli istituti tecnici della provincia di Bergamo. "Durante questa giornata - spiega Paolo Perani, Strategic Business ...

 
Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

Berlusconi VS Sorrentino

Film e polemiche

Berlusconi VS Sorrentino

Dalla conferenza per appoggiare il referendum sull'autonomia in Lombardia e Veneto, Silvio Berlusconi coglie l'occasione di rispondere a una domanda sul nuovo film di Paolo ...

18.10.2017

Elio e le storie tese si sciolgono

Musica

Elio e le storie tese si sciolgono

"Ci vuole l'intelligenza di capire di essere fuori dal tempo. Youtuber, rapper, influencer: queste sono le persone che parlano ai giovani oggi. Staremo insieme fino al 2017, ...

18.10.2017