La Stella Azzurra va koin casa della Petriana

Basket C Gold maschile

La Stella Azzurra va ko
in casa della Petriana

11.03.2018 - 11:08

0

PETRIANA ROMA-ORTOETRURIA STELLA AZZURRA VITERBO 64-61

PARZIALI 20-19, 15-16, 19-10, 10-16


PETRIANA ROMA Melillo 15, Tozzi 0, Ferrarese 4, Forgione 3, Ficini 7, Mansutti 8, Nero 10, Gasperini 2, De Franciscis ne, Rubinetti 9, Fokou 6 Coach Pazzi

ORTOETRURIA STELLA AZZURRA VITERBO Caridà 17, Milazzo 9, Rogani 9, Navarra ne, Baldelli 3, Meroi 0, Rovere 9, Luzza 14, Piazzolla ne, Gasbarri ne Coach Fanciullo

ARBITRI Cattani di Rieti e Faro di Roma

15/35 da 2, 7/24 da 3, 10/21 ai liberi. Sta tutta in questi numeri la battuta d'arresto che la Stella Azzurra-Ortoetruria, dopo undici successi consecutivi, subisce sul parquet della Petriana. Percentuali di tiro inusuali per i biancostellati che registrano il punteggio più basso segnato dall'inizio del torneo e così lasciano sul campo, per la terza volta in stagione, due punti alla loro avvversaria. Partono a rilento i ragazzi viterbesi che si trovano subito sotto 17-7 a metà prima frazione. Fanciullo chiama timeout e scuote i suoi che al rientro, grazie ad un combattivo ed attento Rogani, riagganciano i papalini. La seconda frazione è del tutto equilibrata. Piccoli break da entrambe le parti senza che nessuna delle contendenti riesca a staccarsi nel punteggio. Si va al riposo lungo sul 35 pari. Riparte meglio la Petriana con due conclusioni di Melillo, ma Luzza fa valere tutto il suo atletismo e riporta in parità la Stella. Caridà mette la freccia per i suoi sul 45-44, ma fino alla fine del quarto la Stella non realizza più. Nero, Fokou e Rubinetti invece non sbagliano ed alla terza sirena i padroni di casa trovano il massimo vantaggio sul 54-45. Fanciullo scuote i suoi richiedendo difesa forte e massima concentrazione e la squadra finalmente lo asseconda. Per cinque minuti si vede il gioco della capolista: rapidità di circolazione e pressing totale dei biancostellati che con Rovere, Baldelli e Milazzo piazzano un 11-0 che li riporta avanti. Fino a 4 minuti dalla fine ancora gara in totale equilibrio, ma ci pensa Nero, con due triple in meno di un minuto, a dare 4 punti di vantaggio ai romani. La Stella a questo punto registra di nuovo pessime percentuali al tiro e va in totale blackout in fase realizzativa. Solo Luzza e Ferrarese entrambi dalla lunetta muovono il punteggio e la Stella avrebbe anche la palla di un probabile pareggio su una incredibile persa sotto canestro dalla Petriana, ma la serata al tiro è da dimenticare e sulla sirena finale i romani festeggiano il 64-61 finale. Gara non brillante dell'Ortoetruria che è sembrata non essere mai veramente in partita, penalizzata dalla serata negativa dei propri tiratori e da un più che eloquente 10-21 ai liberi. Tra i biancostellati Rogani certamente il migliore. Buona gara della Petriana che ha giocato una partita più attenta e grintosa dei suoi avversari. Niente comunque da rimproverare a Meroi e soci che dopo undici vittorie consecutive, giunti a Roma privi ancora di Manetti e Razzino e con Telesca indisponibile, pur disputando una gara sottotono hanno di fatto conteso fino all'ultimo il successo sul parquet della seconda del ranking, che ora li segue a sei punti di distanza. E nessuna recriminazione se non quella che sarebbe bastata un po' di attenzione in più, senza nulla togliere alla buona prestazione della Petriana, per riuscire a cogliere un altro risultato certo alla portata di una capolista normalmente più concentrata.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Venezia (askanews) - Una grande rampa da skateboard dove, fino a qualche mese fa, troneggiava il demone colossale di Damien Hirst. A Palazzo Grassi a Venezia la cultura freestyle entra dalla porta principale in uno dei musei più importanti del mondo con la tre giorni di "Skate the Museum", evento collegato alla mostra del pittore tedesco Albert Oehlen, ma che vive di una vita e di un'energia ...

 
Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Reggio Calabria (askanews) - Nelle baraccopoli di San Ferdinando e di Rosarno non c'è rispetto dei diritti umani, c'è un degrado umano. Perché le autorità se ne accorgono solo quando succedono questi casi gravi e si continua a mantenere operative queste strutture quando si potrebbe benissimo fare l'ospitalità diffusa e utilizzare le case della piana e dei centri storici che non sono abitate. Non ...

 
A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

Reggio Calabria (askanews) - C'erano centinaia di migranti, lavoratori stagionali, sindacalisti ma anche tanti amministratori locali a Reggio Calabria, in occasione della manifestazione organizzata dall'Unione sindacale di base (Usb) per chiedere giustizia dopo l'omicidio di Soumaila Sacko, il bracciante del Mali ucciso a fucilate il 2 giugno 2018 mentre recuperava alcune vecchie lamiere in una ...

 
Il mondo della musica piange il maestro Caruso

lutto

Il mondo della musica piange il maestro Caruso

È morto all'età di 82 anni Pippo Caruso, maestro e direttore d'orchestra noto per aver preso parte a numerosi programmi televisivi di successo al fianco di Pippo Baudo, di ...

29.05.2018

È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018