I Virus Sorianobattono Orvieto

Basket

I Virus Soriano
battono Orvieto

18.12.2017 - 20:16

0

I Virus, archiviano il 2018 con la sesta W stagionale ai danni di Orvieto e brindano ad una posizione in classifica stabile e soleggiata nella prima colonna del paginone. Coach Azzoni, confortato dai risultati del girone di andata, era comunque certo di mangiare il panettone, ma ci stava da vendicare la sconfitta subita al palaghiaccio di Bagnoregio e il roster di giornata prevedeva molte incognite, con le assenze di capitan Damiani (sostituito in questo ruolo dal decano Giacci) e Fatiganti, con Linfazzi ancora ai box e il rientro del doc Angrisani, assente da diversi cicli lunari. In compenso Orvieto si presentava senza il suo uomo più rappresentativo (che all’andata aveva messo nella giberna metà del bottino dei suoi) e con soli sette baldi giovani a referto. L’avvio, dopo una fiammatella orvietana,  era comunque uno showtime personale per Samuele Rossi, che dopo aver oliato i ferri nelle ultime uscite in giro per la verde Umbria, faceva un morto ogni volta che alzava la manina. Nella riga dello scout del play/guardia cimino una fila interminabile di due e di tre e alla prima sirena, del 21-15 per i Virus, ben 17 punti erano suoi. Ovviamente, il coach ospite rispolverava subito dal suo manuale il capitolo “box and one” e l’equilibrio si ristabiliva all’insegna di un corri e tira generale che contribuiva a far riposare l’ottima coppia arbitrale e che, all’intervallo lungo, portava il punteggio sul 40-37. Azzoni, giustamente, era preoccupato, perché Orvieto, nonostante la canzoncina suonata dai neroverdi, non voleva chiudere gli occhietti; peraltro, i suoi tremori si giustificavano con un inizio di terzo quarto disordinato e abbastanza sterile, con i locali a sbagliare l’impossibile, imitati fortunatamente anche dai ragazzi di Orvieto. In tutto questo, in dieci minuti assai dimenticabili, se non fosse per un paio di conigli tirati fuori dalla valigetta di doc Angrisani, non succedeva praticamente nulla e alla boa del terzo giro di lancette la barca dei Virus transitava in testa con gli ospiti ancora alle calcagna (55-52). All’inizio dell’ultimo quarto, inizialmente, sembrava che Soriano avesse trovato il bandolo della matassa e, con qualche recupero malandrino di De La Rosa e Rossi, portava il vantaggio in doppia cifra (64-54). A quel punto, quando in tribuna il buon Roberto Costantini, nella sua diretta social, si sbizzarriva in entusiastici eloqui con la bocca ancora impastata dalla consueta razione di popcorn gentilmente offerti dalle tifose cimine, Soriano spegneva i motori e cominciava a planare verso la sirena finale. Ma i calcoli erano sbagliati e Orvieto, grazie a qualche buon contropiede, si rimetteva in scia, impattando addirittura a quota 67. Per fortuna, Isidori e Rossi tornavano a far frusciare il macramè dall’arco lungo e Felici intercettava ogni arancia nei pressi dei cristalli, con l’ovvia conseguenza che, al buzz definitivo, Soriano si trovava davanti 73-69. Non abbastanza per ribaltare la differenza canestri dell’andata, ma “ottimo e abbondante” per chiudere col sorriso una giornata che era già cominciata bene dalle parti di viale Ernesto Monaci, con gli aquilotti dei Virus che avevano servito i frittelloni caldi ai pari età di Civita Castellana, battuti 28-19. Prossimo appuntamento nel 2018, l'11 gennaio i Virus misureranno le loro rinnovate ambizioni sul difficile campo del Foligno Basket.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Migranti: Merkel rassicura Conte, polemiche tra Macron e Di Maio

Migranti: Merkel rassicura Conte, polemiche tra Macron e Di Maio

Roma (askanews) - Non accenna a placarsi la polemica sui migranti in Italia e nel resto d'Europa. Mentre la cancelliera tedesca Angela Merkel ha rassicurato il primo ministro Conte sulla revisione della bozza d'accordo in vista del vertice sull'immigrazione di Bruxelles di domenica 24 giugno, dalla Francia il presidente Macron ha punzecchiato il governo italiano scagliandosi contro "il ...

 
Caso nave Lifeline, Toninelli: indagine in corso, la sequestriamo

Caso nave Lifeline, Toninelli: indagine in corso, la sequestriamo

Roma (askanews) - "L'Olanda nega la nazionalità dell'imbarcazione" della ong Lifeline, "ho dunque avviato indagine di bandiera". Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli a proposito del caso della nave ong Lifeline battente formalmente bandiera olandese. "La Nave Ong Lifeline - dice Toninelli - agisce fuori da regole in acque Libia. Ha a bordo 224 naufraghi ...

 
Le false piste dei segni: la pittura eclettica di Walter Swennen

Le false piste dei segni: la pittura eclettica di Walter Swennen

Milano (askanews) - Lacan e Freud, ma anche Marcel Broodthaers. Filosofia, linguaggio e pittura. Ci sono molte suggestioni silenziose, almeno a una prima occhiata, nella mostra che Edoardo Bonaspetti ha curato in Triennale a Milano sull'artista belga Walter Swennen. Un'esposizione che, nella luce del piano più alto del Palazzo dell'Arte di Giovanni Muzio, mette in evidenza l'eclettismo di un ...

 
Siena, faccia a faccia Valentini (Pd) e De Mossi (c.destra)
A poche ore dal ballottaggio per la poltrona di sindaco

Siena, faccia a faccia Valentini (Pd) e De Mossi (c.destra)

Iniziamo dalla mobilità. I taxi hanno difficoltà persino a raggiungere la redazione del Corriere. Devono inviare una mail per transitare lungo la Y storica. Cambieranno le regole? Valentini: “Abbiamo potenziato la pedonalizzazione delle strade più centrali, che chiamiamo Y storica per convenzione. In quella zona circolavano settecento veicoli al giorno, abbiamo reso più vivibile questa parte di ...

 
Il mondo della musica piange il maestro Caruso

lutto

Il mondo della musica piange il maestro Caruso

È morto all'età di 82 anni Pippo Caruso, maestro e direttore d'orchestra noto per aver preso parte a numerosi programmi televisivi di successo al fianco di Pippo Baudo, di ...

29.05.2018

È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018