Sergio Casagrande in bianco e nero

LAPIS

Gerusalemme e la speranza infranta

09.12.2017 - 12:14

0

La scelta di Donald Trump è stata davvero clamorosa, addirittura storica.
E’ vero che lo aveva promesso già in campagna elettorale. Ma nessuno, fino a pochi giorni fa, era pronto a scommettere che il presidente degli Stati Uniti d’America sarebbe passato realmente dalle parole ai fatti.


Riconoscere Gerusalemme capitale di Israele, trasferendoci la sede dell’ambasciata da Tel Aviv, non è una formalità qualunque. Ma è un atto che spacca il solco tracciato da decenni di trattative e accordi che avevano, se non placato gli animi, gettato quantomeno le basi attorno a una flebile speranza di una possibile soluzione dell’eterno conflitto dell’area più calda della terra. Una speranza traballante, minacciata quotidianamente, ridotta a volte quasi a un velo di facciata e ritenuta da tanti un semplice miraggio, ma pur sempre una speranza. E, per giunta, l’unica.


Due popoli per due Stati, due Stati per una città sono le ultime possibilità rimaste in mano ai negoziatori per poter indurre le parti a non rialzare il tiro. Ma ora una forzatura come quella fatta da Trump infrange gli equilibri e rischia di avere conseguenze devastanti non solo nel confronto tra due popoli (israeliano e palestinese) ma anche in quello tra due mondi (quello schierato dalla parte palestinese e quello schierato con gli israeliani). Mondi che includono, purtroppo, anche realtà pregne di ideologie, fanatismi religiosi, odi e rancori.


Gerusalemme è già una capitale riconosciuta universalmente: è la capitale delle tre principali religioni monoteiste della Terra. E la storia dei tanti conflitti nati all’interno delle sue mura o ruotateli attorno inizia nella notte dei tempi ed è un monito per tutta l’umanità.


Riconoscerla ora come una capitale politica unilaterale, più che una forzatura per una soluzione, può rivelarsi una scelta davvero esplosiva. E in un periodo in cui le tensioni in giro per il pianeta sono diventate davvero tante, una cosa è sicura: è una novità di cui chi ancora sogna un mondo di pace non ne sentiva il bisogno. Come non sentiva il bisogno di molte altre scelte avventate che in questo agitato inizio del terzo millennio invece di ottenere soluzioni hanno soltanto riacceso focolai che potevano rimanere sopiti. E a Gerusalemme il fuoco cova da più di mille anni. E neppure sotto la cenere.
Sergio Casagrande
sergio.casagrande@gruppocorriere.it
Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Trump: andare d'accordo con Russia è una buona cosa, non cattiva

Trump: andare d'accordo con Russia è una buona cosa, non cattiva

Helsinki (askanews) - "Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non una cosa cattiva". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il saluto ufficiale con l'omologo russo, Vladimir Putin, all'interno del palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia.

 
In autostrada con 11 quintali di ottone rubato: tre in manette

In autostrada con 11 quintali di ottone rubato: tre in manette

Roma, (askanews) - Viaggiavano in autostrada con 11 quintali di serrature rubate. Gli agenti della Polizia stradale di Roma Nord hanno notato una station wagon sfrecciare a forte velocità in autostrada in direzione Roma con tre persone a bordo. Ad attirare l'attenzione della pattuglia non è stata solo l'alta velocità ma anche l'assetto molto ribassato del veicolo soprattutto nella parte ...

 
Maradona in Bielorussia, presidente del club Dinamo Brest

Maradona in Bielorussia, presidente del club Dinamo Brest

Roma, (askanews) - Diego Maradona è arrivato a Brest, in Bielorussia, dove ha firmato lo scorso maggio un contratto di tre anni come presidente del club di calcio della Dinamo Brest. "Sì, Diego è con noi!", si legge sul profilo Twitter del club. Da parte sua, la leggenda argentina ha pubblicato sul proprio profilo Instagram una foto che lo ritrae mentre firma un contratto e sullo sfondo una ...

 
Economia

Borsa, petrolio schiaccia i listini

Il brusco ribasso del greggio, che scende a 68 dollari, i minimi da tre settimane, fiacca i mercati internazionali. Le Borse europee peggiorano verso la fine della seduta e Milano chiude in calo dello 0,3 per cento. Colpiti dalle vendite i titoli petroliferi, come Saipem, Eni e Tenaris, ma anche il settore dell’auto accusa il colpo, con Ferrari tra i titoli peggiori del paniere. Sono ben comprate ...

 
Il mondo della musica piange il maestro Caruso

lutto

Il mondo della musica piange il maestro Caruso

È morto all'età di 82 anni Pippo Caruso, maestro e direttore d'orchestra noto per aver preso parte a numerosi programmi televisivi di successo al fianco di Pippo Baudo, di ...

29.05.2018

È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018