Sergio Casagrande in bianco e nero

LAPIS

Perché non riusciamo a convivere con il terremoto

02.09.2017 - 12:07

0

Mentre c’è ancora chi polemizza sulle valutazioni fatte dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) sull’entità del terremoto che ha squassato Ischia, è piombato il silenzio, dopo il clamore dei primi giorni, sul vero problema che ha nuovamente provocato vittime, in Italia, in occasione di un evento tellurico: l’incapacità della maggioranza degli edifici, presenti nelle aree del Paese a più alto rischio sismico, di resistere anche a una scossa di non eccezionale intensità.


Dal terremoto di Messina e Reggio Calabria del 1908 (che si stima abbia falciato circa 120mila vite), la scienza - e in particolare la sismologia italiana - ha fatto passi da gigante proprio studiando le conseguenze dei principali terremoti italiani che, da allora, sono stati tantissimi. Gli annali della simicità nazionale ne contano una quarantina (per una media di quasi un terremoto grave ogni 2 anni e mezzo) che hanno provocato circa 40mila morti.


Anche se ancora non siamo in grado di prevedere un sisma (e forse non lo saremo mai), il progresso della scienza ha permesso di mettere a punto studi, piani e tecniche di difesa che sappiamo essere efficaci soprattutto in occasione di eventi tellurici che non travalicano i limiti dell’eccezionalità. Tecniche che, pur non riuscendo a impedire danni alle strutture, sono comunque capaci di salvare vite umane.


La dimostrazione si è avuta a Norcia, l’unica città, di quelle più colpite dalla recente crisi sismica del Centro Italia, a non contare vittime: merito di un’oculata ricostruzione e delle opere di consolidamento generale del patrimonio immobiliare eseguite dopo i terremoti del 1979 e del 1997-’98.


Ma Norcia è un’eccezione della quale non ci si può vantare. Amatrice, Accumoli, Arquata del Tronto e ora Ischia testimoniano che l’Italia, quando la terra trema, è ancora indifesa. E lo è addirittura proprio in quelle zone che i terremoti del passato, remoto e recente, ci hanno palesato come i territori a maggior rischio.


Una realtà imperdonabile per un Paese che ha tutta la tecnologia necessaria e si considera tra i più sviluppati al mondo e che, invece di polemizzare sulle virgole da apporre alla magnitudo di un terremoto che dovrebbe far parte dell’“ordinarietà sismica” del suo territorio, dovrebbe vergognarsi di essere ancora incapace di proteggere i suoi cittadini e il suo patrimonio perfino di fronte a un movimento tellurico di media entità.


Ormai è chiaro che ci vuole un piano nazionale di consolidamento antisismico serio, organico e da condurre su vasta scala e che, oltre che agevolato, è necessario imporre, senza eccezioni.


Ovvio che per mettere in sicurezza l’intero Paese non basteranno pochi decenni. Ma, se non si comincia subito, il traguardo resterà sempre lontano. E l’Italia, intanto, di terremoti di entità paragonabile a quello di Ischia continuerà ad averne decine ogni anno, intervallati, di tanto in tanto, da botte anche molto più forti.

Sergio Casagrande
Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Azzardo, Di Maio: "Organizzazioni criminali entrate nel gioco legale"

Azzardo, Di Maio: "Organizzazioni criminali entrate nel gioco legale"

(Agenzia Vista) Roma, 19 luglio 2018 Azzardo, Di Maio Organizzazioni criminali entrate nel gioco legale L'ha dichiarato il Ministro del Lavoro Di Maio el termine della sua visita al centro Caritas Santa Giacinta di Roma. _Facebook Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Spettacolo

Il Fai ‘illumina’ le serate estive

L’emozione della luce sul finire del giorno è il fil rouge della terza edizione delle ‘Sere Fai d’Estate’, che torna quest’anno ampliata e rinnovata. Fino alla fine di agosto oltre 180 appuntamenti in 24 beni del Fondo per l’Ambiente Italiano, godibili in via eccezionale dal tramonto a mezzanotte.

 
Caso Skripal, identificato responsabili dell'attacco all'ex spia

Caso Skripal, identificato responsabili dell'attacco all'ex spia

Roma, (askanews) - La polizia britannica ritiene di avere identificato i presunti responsabili dell'attacco dello scorso mese di marzo contro l'ex spia russa Sergei Skripal e sua figlia Yulia con l'agente nervino Novichok, a Salisbury. Lo riferisce il quotidiano britannico The Guardian, citando una fonte anonima vicina alle indagini all'agenzia di stampa britannica PA. "Gli investigatori credono ...

 
Altro

"Fermare la plastica prima che arrivi in mare"

É stato presentato al Castello Estense di Ferrara il progetto di pilota "il Po d'Amare " per la prevenzione dell' inquinamento da plastica in mare. Il progetto predisposto da Fondazione per lo sviluppo Sostenibile , Corepla e Castalia è realizzato grazie coordinamento dell'autorità di Bacino distrettuale del fiume Po.

 
Il mondo della musica piange il maestro Caruso

lutto

Il mondo della musica piange il maestro Caruso

È morto all'età di 82 anni Pippo Caruso, maestro e direttore d'orchestra noto per aver preso parte a numerosi programmi televisivi di successo al fianco di Pippo Baudo, di ...

29.05.2018

È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018