"E' finita l'epoca del Far West"

Termalismo

"E' finita l'epoca del Far West"

16.07.2017 - 11:25

0

Che la firma del protocollo d’intesa sul rilancio delle ex Terme Inps tra Zingaretti e Michelini, all’auditorium di Valle Faul, sia stata poco più che un’occasione per le solite passerelle pre-elettorali è un fatto che non è sfuggito a nessuno degli addetti ai lavori. Ma la vera pietra miliare, sulla strada che dovrebbe portare all’edificazione della città termale, è oggi rappresentata dallo studio Piscopo, quello che il sindaco ha definito un “vangelo”. Ne è convinto anche l’imprenditore Fabio Belli, della società Freetime, quella che sta costruendo un nuovo complesso termale in località Paliano.

Da parte sua, Fausto Sensi, patron delle Terme dei Papi, anche lui presente all’incontro di Valle Faul, rilancia sullo stabilimento ex Inps: “Io resto della mia idea, facciamone un albergo”.

Ma andiamo con ordine.

Per Fabio Belli quello di venerdì è stato un giorno molto importante per Viterbo: “Dopo decenni in cui si parla di termalismo, finalmente c’è un atto ufficiale”, nota l’imprenditore della Freetime. Dove l’atto ufficiale non è la firma del protocollo d’intesa tra il sindaco e il governatore, quanto l’adozione dello studio Piscopo, stilato dal docente dell’Unitus e commissionato dieci anni fa: “Lo studio – spiega Belli – è stato adottato dalla Regione e nei prossimi giorni verrò pubblicato. Io lo paragonerei al piano regolatore del ’74, entrato in vigore nel ’79. Ha detto bene il sindaco ieri (venerdì, ndr): questo studio è il vangelo”. Lo studio, per la cronaca, divide il bacino termale di Viterbo, lungo 14 km, in tre macrozone: quella settentrionale (Bacucco-Bagnaccio-ex Oasi) con una portata di 14-15 litri al secondo, una centrale (Bullicame-Terme dei Papi-ex Terme Inps) con una portata di 35 litri, e una meridionale (Masse-Paliano), con 15-20 litri di portata.

“Questo studio – prosegue Belli – è la cosa più intelligente che si poteva fare, perché mette finalmente fine al Far West. Non assisteremo più ai prelievi, alle pulizie non autorizzate, ai prosciugamenti e alle perforazioni che negli anni e nei decenni precedenti hanno messo a rischio l’integrita del bacino. Tutti i pozzi verranno infatti monitorati in remoto dalla Regione, nessuno potrà più compieri abusi o prelievi senza autorizzazione”.

(servizio completo sul Corriere di Viterbo del 17 luglio 2017)

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Quintana, ecco l'istante in cui si infila l'anello
La giostra più difficile che mai

Quintana, ecco l'istante in cui si infila l'anello

Eccoli i signori dell'Anello! Ecco i cavalieri di Foligno alla Quintana del giugno 2018. Ecco il campione della regolarità, il cavaliere Pertinace che porta il Cassero al trionfo beffando Croce Bianca all'ultima manche. Ma ecco soprattutto la magia dello zoom al rallentatore nelle immagini girati dal Corriere dell'Umbria mentre i cavalieri infilzano e infilzano e infilzano (nove volte alla fine) ...

 
Aquarius, odissea finita. E ora cosa accade ai 630 migranti?

Aquarius, odissea finita. E ora cosa accade ai 630 migranti?

Valencia, (askanews) - L'odissea è finita: i 630 migranti a bordo delle navi Aquarius, Dattilo e Orione, hanno finalmente toccato terra, sbarcando a Valencia dopo 9 giorni di navigazione. Ma per loro si apre ora un grande interrogativo sul futuro. Dove potranno vivere? Cosa faranno ora? E soprattutto saranno rispediti nelle loro terre di origine? A quanto annunciato dal premier spagnolo Pedro ...

 
Altro

Borsa: europee chiudono in rosso, a Piazza Affari giù Snam e Poste

Le Borse europee archiviano in rosso la seduta odierna di scambi. I timori per un ulteriore inasprimento della guerra commerciale tra Usa e Cina sui dazi appesantisce i mercati del Vecchio continente che, sulla scia di Wall Street, chiudono con il segno meno, lasciando sul terreno perdite che oscillano tra lo 0,40% di Milano e l’1,36% di Francoforte.  Unica piazza in controtendenza è Londra, che ...

 
A Londra svelata "Mastaba", la nuova opera gigante di Christo

A Londra svelata "Mastaba", la nuova opera gigante di Christo

Londra (askanews) - Esattamente a due anni di distanza dai Floating Piers del Lago d'Iseo, è stata svelata a Londra la nuova opera gigante dell'artista Christo: si chiama Mastaba. E' stata allestita nel lago Serpentine di Hyde Park a Londra. Si tratta di una struttura composta da 7.506 barili colorati che poggiano su una piattaforma di cubetti di plastica. L opera sarà visibile dal 19 giugno fino ...

 
Il mondo della musica piange il maestro Caruso

lutto

Il mondo della musica piange il maestro Caruso

È morto all'età di 82 anni Pippo Caruso, maestro e direttore d'orchestra noto per aver preso parte a numerosi programmi televisivi di successo al fianco di Pippo Baudo, di ...

29.05.2018

È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018