"E' finita l'epoca del Far West"

Termalismo

"E' finita l'epoca del Far West"

16.07.2017 - 11:25

0

Che la firma del protocollo d’intesa sul rilancio delle ex Terme Inps tra Zingaretti e Michelini, all’auditorium di Valle Faul, sia stata poco più che un’occasione per le solite passerelle pre-elettorali è un fatto che non è sfuggito a nessuno degli addetti ai lavori. Ma la vera pietra miliare, sulla strada che dovrebbe portare all’edificazione della città termale, è oggi rappresentata dallo studio Piscopo, quello che il sindaco ha definito un “vangelo”. Ne è convinto anche l’imprenditore Fabio Belli, della società Freetime, quella che sta costruendo un nuovo complesso termale in località Paliano.

Da parte sua, Fausto Sensi, patron delle Terme dei Papi, anche lui presente all’incontro di Valle Faul, rilancia sullo stabilimento ex Inps: “Io resto della mia idea, facciamone un albergo”.

Ma andiamo con ordine.

Per Fabio Belli quello di venerdì è stato un giorno molto importante per Viterbo: “Dopo decenni in cui si parla di termalismo, finalmente c’è un atto ufficiale”, nota l’imprenditore della Freetime. Dove l’atto ufficiale non è la firma del protocollo d’intesa tra il sindaco e il governatore, quanto l’adozione dello studio Piscopo, stilato dal docente dell’Unitus e commissionato dieci anni fa: “Lo studio – spiega Belli – è stato adottato dalla Regione e nei prossimi giorni verrò pubblicato. Io lo paragonerei al piano regolatore del ’74, entrato in vigore nel ’79. Ha detto bene il sindaco ieri (venerdì, ndr): questo studio è il vangelo”. Lo studio, per la cronaca, divide il bacino termale di Viterbo, lungo 14 km, in tre macrozone: quella settentrionale (Bacucco-Bagnaccio-ex Oasi) con una portata di 14-15 litri al secondo, una centrale (Bullicame-Terme dei Papi-ex Terme Inps) con una portata di 35 litri, e una meridionale (Masse-Paliano), con 15-20 litri di portata.

“Questo studio – prosegue Belli – è la cosa più intelligente che si poteva fare, perché mette finalmente fine al Far West. Non assisteremo più ai prelievi, alle pulizie non autorizzate, ai prosciugamenti e alle perforazioni che negli anni e nei decenni precedenti hanno messo a rischio l’integrita del bacino. Tutti i pozzi verranno infatti monitorati in remoto dalla Regione, nessuno potrà più compieri abusi o prelievi senza autorizzazione”.

(servizio completo sul Corriere di Viterbo del 17 luglio 2017)

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Morte Riina, viaggio a Corleone, un paese marchiato dalla mafia

Morte Riina, viaggio a Corleone, un paese marchiato dalla mafia

Palermo (askanews) - Tutto tace in vicolo Scorsone 24, a Corleone, dove vive Ninetta Bagarella. I familiari di Totò Riina, morto la notte scorsa all'ospedale di Parma, sono volati al capezzale dell'anziano boss dopo il nulla osta del ministro della Giustizia Orlando. Ma cosa rappresenta per Corleone la morte del Capo di Cosa nostra? Lo abbiamo chiesto a due memorie storiche del paese: l'ex ...

 
Kenya: tre morti a una manifestazione dell'opposizione a Nairobi

Kenya: tre morti a una manifestazione dell'opposizione a Nairobi

Nairobi (askanews) - Tre uomini sono stati uccisi a colpi d'arma da fuoco a Nairobi, capitale del Kenya, quando la polizia ha fatto irruzione ad una manifestazione dell'opposizione a cui partecipavano migliaia di persone. I tre, tutti colpiti nella parte alta del corpo, sono stati uccisi a Muthurwa, un sobborgo della capitale dove la polizia antisommossa armata di lacrimogeni, cannoni ad acqua e ...

 
A fuoco il portone del circolo Pd di Ostia: le immagini

A fuoco il portone del circolo Pd di Ostia: le immagini

Roma, (askanews) - A fuoco il portone del circolo Pd di Ostia. La notizia è circolata su Twitter. Poi la conferma. Queste le immagini. Intanto la Procura di Roma ha aperto un fascicolo d'inchiesta. Gli inquirenti procedono per il reato di incendio doloso. La sezione è in via Gesualdo, ad Ostia Antica. L'evento avviene alla vigilia del ballottaggio nella circoscrizione commissariata per mafia.

 
Trump toglie il bando su importazione trofei di elefanti in Usa

Trump toglie il bando su importazione trofei di elefanti in Usa

New York (askanews) - Donald Trump ancora una volta si schiera contro l'ambiente e questa volta a farne le spese sono i giganti africani. L'amministrazione americana ha tolto il bando all'importazione negli Stati Uniti di trofei di elefanti, cacciati legalmente da cittadini americani in Zambia e Zimbawe. Il divieto era stato approvato dall'ex presidente americano, Barack Obama, nel 2014. Secondo ...

 
Ambra e Max, luna di miele a Venezia

Gossip

Ambra e Max, luna di miele a Venezia

La foto pubblicata dal periodico "Chi" è la prova provata che il rapporto fra Ambra Angiolini e Massimiliano Allegri si sta sempre più saldando. Dopo che lei è andata a ...

14.11.2017

Frizzi è tornato a casa

Il fatto

Frizzi è tornato a casa

Fabrizio Frizzi ha lasciato l'ospedale. Lo stretto riserbo sulle condizioni di salute del conduttore colpito da malore il 24 ottobre continua, ma Carlo Conti, durante un ...

06.11.2017

Ricco il cartellone della stagione teatrale del "Lea Padovani"

Montalto di Castro

Ricco il cartellone della stagione teatrale del "Lea Padovani"

Parte domenica 5 novembre 2017 la stagione teatrale del teatro comunale Lea Padovani di Montalto di Castro.  Sette gli spettacoli, con nomi e opere di grande prestigio. ...

01.11.2017