Genitori lasciati fuori dall'asilo. Guastini: "Tutta una questione di sicurezza"

Genitori lasciati fuori dall'asilo. Guastini: "Tutta una questione di sicurezza"

"Non c’è nulla da nascondere, il motivo della decisione di non far entrare i genitori nelle aule è legato a misure di sicurezza ed igiene"

25.04.2013

0

I genitori restano fuori dalla porta e non possono più accompagnare i loro piccoli dentro le aule. Continua a far discutere la decisione della dirigenza scolastica della scuola dell’infanzia Pila B dell’istituto “Radice” di via Carlo Cattaneo.
“Siamo all’assurdo - scrive la signora Cristiana. La manna in una lettera - ho assistito a scene strazianti di bimbi in lacrime. E’ una vergogna”.
Ma il dirigente scolastico, il professor Giuseppe Guastini, difende la decisione: “Capisco il disagio, ma non possiamo derogare a delle misure di sicurezza ed igiene che ci vengono imposte dalla legge”.
I genitori a quanto sembra non ci stanno. L’ultima protesta è quella della signora Iamanna: “Noi genitori siamo inviperiti - scrive la mamma nella lettera - non era meglio chiedere i documenti di chi si presentava a reclamare i bambini e fare entrare solo chi autorizzato?”. Per la signora i veri motivi della decisione della dirigenza sono altri:“ Non vogliono farci entrare per non farci vedere tutto ciò che non funziona a livello organizzativo”.
E’ lo stesso dirigente Giuseppe Guastini, che è stato incaricato nel settembre scorso, a difendere le nuove misure: “Non c’è nulla da nascondere, la scuola ha dei problemi, come avviene in molti edifici, ma il motivo della decisione di non far entrare i genitori nelle aule è legato a misure di sicurezza ed igiene”.

Servizio integrale nel Corriere di Viterbo del 24 aprile





Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery