Cerca

Domenica 22 Gennaio 2017 | 06:56

"Salteranno gli accreditamenti e Villa Rosa chiuderà i battenti"

Sindacati e azienda si vedranno martedì. Meroi e Marini: "Al fianco dei dipendenti"

"Salteranno gli accreditamenti e Villa Rosa chiuderà i battenti"

Sono 73 e se ne dovranno andare entro 120 giorni. E’ quanto previsto dal piano di riordino, lacrime e sangue, di Villa Rosa, la casa di cura sulla quale pesano oltre 9 milioni di euro di debito.
I tagli e le esternalizzazioni sono contenute in un documento ufficiale inviato l’8 aprile a Regione, organizzazioni sindacali e Asl, ma sul quale i sindacati sono già pronti a fare battaglia.
Si vedranno martedì prossimo, con molta probabilità a Roma e lì discuteranno di come affrontare senza lasciare troppi feriti sul campo, la vertenza della casa di cura.
Nel mirino degli esuberi rientrano infermieri, medici, oss, ausiliarie, centralinisti, biologi, amministrativi terapisti e tecnici radiologi.
“Dai 45 di cui si era parlato, siamo arrivati a 73 - spiega Antonella Ambrosini -, ma così Villa Rosa chiude e saltano anche gli accreditamenti. Se a questi aggiungiamo i 25 a cui non è stato riconfermato il contratto sfioriamo i 100: sarà impossibile per la casa di cura proseguire. Martedì ci vedremo e cercheremo di capire il perché di questo aumento nel numero delle persone da licenziare. Ci suona strano, anche perché è in corso un tavolo in Prefettura”.

Servizio integrale nel Corriere di Viterbo del 13 aprile


NOTIZIE CORRELATE:

Villa Rosa, ecco il piano per ripianare i debiti. Esuberi saliti a settantatré

Più letti oggi

il punto
del direttore