Cerca

Mercoledì 18 Gennaio 2017 | 00:39

Avanti tutta per la Commissione animali di Viterbo 2020. "Si propone la costituzione del garante degli animali"

Definiti dettagliatamente i punti del programma per arginare il fenomeno del randagismo

Avanti tutta per la Commissione animali di Viterbo 2020. "Si propone la costituzione del garante degli animali"

Continuano i lavori della commissione Animali e società di Viterbo 2020. Definiti i punti del programma che riguardano il tema del randagismo, dei diritti degli animali e dei servizi a loro dedicati. “Si propone presso il comune la costituzione della figura del garante degli animali - dicono da Viterbo 2020 – un monitoraggio su tutta la filiera del randagismo, dalla Asl ai canili, alle amministrazioni comunali, fino all’uscita del cane dal canile, sia nel caso di adozione da parte di privato cittadino, sia nel valutare attitudini e peculiarietà caratteriali dell’animale durante la sua presenza nelle strutture sue ospiti, onde dare altre destinazioni allo stesso, seguendo un criterio ed un programma che la commissione sta elaborando nel dettaglio.
Maggiore controllo della gestione del cimitero dei piccoli animali, evidenziando nella segnaletica e rendendo questo un servizio sociale e nona scopo di lucro, affidandone la gestione ad associazioni no profit.
Progetto di educazione scolastica al rapporto con gli animali domestici: i bambini che non interpretano a dovere i segnali posturali degli animali possono tenere comportamenti pericolosi per la loro stessa incolumità. Agevolazione dei progetti di pet therapy: la salute dell’uomo attraverso la presenza degli animali. Istituzione di più aree di sgambamento per agevolare la liberta dal guinzaglio e la socializzazione, dotate di info point ed attrezzature dedicate”.
La commissione invita veterinari, operatori del settore, cino educatori, associazioni o semplici cittadini interessati alla problematica a partecipare ai lavori. Per contatti: info@viterbo2020. It oppure sul sitowww.viterbo2020. it.

Più letti oggi

il punto
del direttore