Cerca

Martedì 24 Gennaio 2017 | 10:11

Viterbo, bufera sulla formazione degli infermieri: è guerra aperta sui corsi

Il servizio per l’erogazione dei crediti affidato a una società viterbese con modalità duramente contestate dagli altri provider

Viterbo, bufera sulla formazione degli infermieri: è guerra aperta sui corsi

Crediti formativi. Per gli infermieri professionali, sono imprescindibili. Sono tenuti, infatti, ad accumularne un tot all’anno. E, per poter frequentare i corsi e ottenere questi crediti, debbono anche versare delle somme. Ma chi è che tiene i corsi? Su questo punto, attualmente, è in corso una “guerra” sotterranea, strisciante, non priva di veleni E, questo, dopo l’affidamento del servizio a una società viterbese, alla quale, a quanto si apprende, è stato erogato un finanziamento di trentamila euro all’anno. Finanziamento non grande. Eppure, tanto è bastato per scatenare le ire di chi, quei corsi di formazione, vuole comunque tenerli, in quanto provider.
In particolare si contestano le modalità di affidamento del servizio. In altre parole, si sarebbero preferite modalità - con tanto di bando e di concorso - in grado di dare, agli altri provider, la possibilità di concorrere. Invece, così non è stato. E c’è chi, nell’ambito del collegio degli infermieri, ha ottenuto, tramite una società di Roma, il nulla osta per essere provider, e, ora, sta tenendo dei corsi tanto via computer, on line, quanto in una sede di Vitorchiano.

Più letti oggi

il punto
del direttore