Arsenico nell'acqua, a Viterbo il terzo depuratore. Meroi: "Sì a tariffe più leggere"

Arsenico nell'acqua, a Viterbo il terzo depuratore. Meroi: "Sì a tariffe più leggere"

Bordata del presidente della Provincia e strigliata ai sindaci: "Se non si presentano alle assemblee ridurre le bollette è impossibile. Chi ha fatto tutto questo non può lavarsene le mani"

08.03.2013 - 10:45

0

Aggiornamento Emergenza arsenico, a Viterbo è in arrivo un nuovo potabilizzatore, il terzo su otto necessari. L’annuncio arriva direttamente dal sindaco Giulio Marini. L'impianto dovrebbe entrare in funzione tra due settimane e segue i due di Bagnaia e San Martino al Cimino.
Ad aprile arriverà il quarto. L'abbattimento dell'arsenico costerà oltre 4,2 milioni, finanziati dalla Regione. In diverse zone del capoluogo dunque, come in molti altri Comuni del Viterbese, sono in vigore le ordinanze sindacali di non potabilità dell'acqua.

Meroi in campo Arsenico, di nuovo. Ma stavolta c’è la novità. “Ritengo le richieste dei cittadini, relative ad un abbassamento del costo delle tariffe idriche, pienamente legittime alla luce della riduzione del servizio offerto”. Parole del presidente della Provincia Marcello Meroi che torna sull’argomento e ribadisce come, a fronte di un consumo ridotto di acqua potabile per gli scopi umani in seguito all’entrata in vigore della direttiva europea che fissa a 10 microgrammi litro il limite massimo di arsenico consentito, “sia doveroso rivedere il prezzo della tariffa”.

Il disagio che non si allevia “Nell’ipotesi di riduzione dobbiamo soprattutto considerare il pesante disagio che stanno vivendo i cittadini, costretti a rifornirsi di acqua alle fontanelle – ha spiegato il presidente – per questo sin dall’inizio ho avvertito come un dovere quello di ricercare ogni possibile soluzione che potesse consentirci il raggiungimento dell’obiettivo”.
E ancora: “Con soddisfazione ho anche preso atto della disponibilità manifestata da numerosi sindaci. Il problema però è che quando poi si riunisce l’assemblea dell’Ato per discutere certi argomenti, molti di quei sindaci che sulla stampa chiedono a gran voce la riduzione delle bollette, con la loro assenza impediscono il raggiungimento del numero legale indispensabile a deliberare. Nell’assemblea di martedì scorso, andata deserta per la seconda volta, era mia intenzione chiedere ai sindaci di quantificare, comune per comune, un’ipotetica riduzione tariffaria. Una volta avuto chiaro il quadro della situazione, è necessario valutare l’entità della possibile riduzione e richiedere alla Regione Lazio di farsi garante della copertura dei costi”.

Meroi: non potete lavarvene le mani “Chi ha provocato questa situazione – tiene a precisare ancora il presidente provinciale Meroi – non può lavarsi le mani, ma deve provvedere a lenire i disagi delle famiglie almeno sul piano economico. E non dico questo oggi che a governare c’è un presidente del Partito democratico, le stesse identiche valutazioni le ho fatte nei mesi scorsi quando al governo c’era ancora il centrodestra. Mi auguro che nella nuova assemblea dell’Ato che sarà convocata a breve – conclude Meroi - il senso di responsabilità dei sindaci prevalga e che si possa finalmente discutere della questione, individuando le soluzioni più attuabili e ampiamente condivise”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Venezia (askanews) - Una grande rampa da skateboard dove, fino a qualche mese fa, troneggiava il demone colossale di Damien Hirst. A Palazzo Grassi a Venezia la cultura freestyle entra dalla porta principale in uno dei musei più importanti del mondo con la tre giorni di "Skate the Museum", evento collegato alla mostra del pittore tedesco Albert Oehlen, ma che vive di una vita e di un'energia ...

 
Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Reggio Calabria (askanews) - Nelle baraccopoli di San Ferdinando e di Rosarno non c'è rispetto dei diritti umani, c'è un degrado umano. Perché le autorità se ne accorgono solo quando succedono questi casi gravi e si continua a mantenere operative queste strutture quando si potrebbe benissimo fare l'ospitalità diffusa e utilizzare le case della piana e dei centri storici che non sono abitate. Non ...

 
A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

Reggio Calabria (askanews) - C'erano centinaia di migranti, lavoratori stagionali, sindacalisti ma anche tanti amministratori locali a Reggio Calabria, in occasione della manifestazione organizzata dall'Unione sindacale di base (Usb) per chiedere giustizia dopo l'omicidio di Soumaila Sacko, il bracciante del Mali ucciso a fucilate il 2 giugno 2018 mentre recuperava alcune vecchie lamiere in una ...

 
Il mondo della musica piange il maestro Caruso

lutto

Il mondo della musica piange il maestro Caruso

È morto all'età di 82 anni Pippo Caruso, maestro e direttore d'orchestra noto per aver preso parte a numerosi programmi televisivi di successo al fianco di Pippo Baudo, di ...

29.05.2018

È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018