Il grido d'allarme lanciato dall'artigianato artistico. "Istituire un tavolo di crisi"

Il grido d'allarme lanciato dall'artigianato artistico. "Istituire un tavolo di crisi"

La Cna ha fatto il punto della situazione sul settore. "Il destino dell’artigianato artistico e tradizionale è fortemente legato a quello delle città. Si deve puntare sul recupero dei centri storici"

21.02.2013 - 12:04

0

A sostegno dell'artigianato, la Cna in una riunione ha fatto il punto sul settore. "Blocco, per almeno tre anni dei centri commerciali, trovando soluzioni alternative per le strutture autorizzate ma non realizzate, e misure di sostegno alle botteghe artigiane e al commercio di vicinato nei centri storici". Gli artigiani dei settori artistici vogliono un segnale concreto da chi andrà a governare la Regione.

Le richieste a chi amministrerà A coloro che si preparano a sfidarsi per amministrare Viterbo gli artigiani hanno diverse cose da dire. La prima riguarda l'apertura di un "tavolo di crisi " che riunisca tutte le istituzioni e le istanze di rappresentanza dell’artigianato artistico e tradizionale e delle altre realtà economiche. Se la situazione è di reale emergenza e la crisi si presenta con aspetti così dirompenti e scenari del tutto inediti, è necessario compiere un salto di qualità nella definizione di linee di intervento, ad iniziare da quello che si può fare subito per dare una boccata di ossigeno alle imprese".

L'incontro con la Melaragni In un incontro convocato da Luigia Melaragni, segretaria della CNA di Viterbo e Civitavecchia, per fare il punto sullo stato del comparto e sulle iniziative in cantiere, presenti numerosi imprenditori, sono state messe sul tavolo le difficoltà, nella Tuscia forse più pesanti che altrove, perché alla profondità della crisi attuale e al crollo dei consumi si sommano problemi strutturali che, nel corso degli anni, non hanno trovato risposta e le imprese pagano pesantemente scelte politiche che hanno condotto al progressivo svuotamento e all’abbandono della maggioranza dei centri storici. E’ sotto gli occhi il caso del capoluogo. "Le imprese però non si arrendono. Sanno che il lavoro dei futuri amministratori, sia della Regione che dei Comuni, non sarà semplice, ma che si potrà ripartire se si realizzerà un’aperta e sana concertazione con il mondo dell’artigianato e della micro e piccola impresa. La CNA ha presentato, a livello regionale, un documento con dieci idee per il Lazio. Gli artigiani dei settori artistici con i quali ci siamo riuniti ieri - afferma Melaragni - lo hanno condiviso, ma hanno voluto arricchirlo con proposte specifiche".

Formazione, rilancio delle botteghe scuola come luoghi privilegiati per la trasmissione dei saperi e l’avvio al lavoro dei giovani, internazionalizzazione, creazione di reti d’impresa, valorizzazione delle ricchezze del territorio e della sua vocazione turistica e culturale, attraverso investimenti e interventi di regolamentazione che incoraggino l’imprenditoria in questi comparti, sono condizioni irrinunciabili per rimettere in moto il sistema produttivo nella provincia di Viterbo. Dalla nuova Regione ci si aspettano politiche efficaci orientate verso questi obiettivi

Recuperare i centri storici "Il destino dell’artigianato artistico e tradizionale è fortemente legato a quello delle città. Su questo punto, la CNA è chiara: si deve puntare sul recupero dei centri storici, sulla riqualificazione del patrimonio immobiliare esistente ovvero sulla riqualificazione urbana intesa come rigenerazione dello spazio costruito per un migliore qualità della vita. Si tratta di interventi che si coniugano con un piano per il rilancio del turismo, che per la Tuscia è un settore chiave su cui investire, ma che soffre la carenza di infrastrutture, compresi i punti informativi e di accoglienza, il mancato coordinamento dell’offerta e l’inadeguatezza della promozione -prosegue la segretaria della CNA-. La Regione avrà un ruolo fondamentale nel determinare un cambio di rotta". 

 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sisma Ischia, Vigili del Fuoco: così abbiamo salvato i 3 fratelli

Sisma Ischia, Vigili del Fuoco: così abbiamo salvato i 3 fratelli

Ischia (askanews) - Un salvataggio lungo e difficoltoso. Luca Cari, responsabile della comunicazione emergenza dei Vigili del fuoco, racconta come sono stati estratti dalle macerie e riportati alla vita i tre fratellini sepolti per ore sotto la loro casa crollata dopo una scossa di terremoto di magnitudo 4.0 a Ischia. "Il lavoro è lunghissimo si è trattato di rompere pezzo a pezzo il solaio di ...

 
Sisma Ischia, la rabbia dei residenti: additati come abusivi

Sisma Ischia, la rabbia dei residenti: additati come abusivi

Ischia (askanews) - Ad Ischia ci sono 600 case abusive con ordine definitivo di abbattimento e 27 mila pratiche di condono presentate in occasione di tre sanatorie nazionali. Una situazione, fotografata da Legmabiente, che ha aumentato gli effetti della scossa di magnitudo 4.0 sull'isola, insieme alla particolare struttura morfologica del territorio. Ma gli ischitani reagiscono con rabbia ad ...

 
"A Ciambra", i rom di Gioia Tauro nel film voluto da Scorsese

"A Ciambra", i rom di Gioia Tauro nel film voluto da Scorsese

Roma (askanews) - Martin Scorsese lo ha definito "bello e commovente": "A Ciambra" di Jonas Carpignano, nei cinema dal 31 agosto, è ambientato nel quartiere di Gioia Tauro dove vivono da circa trent'anni molte famiglie rom. Carpignano è entrato in contatto con una di loro, gli Amato, e li ha convinti a diventare protagonisti e interpreti del suo film. Al centro del racconto il giovane Pio e il ...

 
Sisma Ischia, il bimbo appena salvato: sono vivo, tranquilli

Sisma Ischia, il bimbo appena salvato: sono vivo, tranquilli

Ischia (askanews) - "Sono vivo, state tranquilli". Sono queste le prime parole di uno dei tre fratelli estratti vivi dalle macerie della loro casa a Ischia, come racconta Monica Impagliazzo, una anestesista-rianimatrice del Fatebenefratelli di Milano che ha assistito in prima persona al salvataggio di Ciro, il più grande dei tre. Era "un po' più indebolito, provato - ha raccontato - è quello che ...

 
il gabibbo striscia la notizia

"STRISCIA LA NOTIZIA" IN LUTTO

E' morto il Gabibbo: Gero Cardarelli stroncato da un male incurabile

E' morto Gero Cardarelli, che per 27 anni è stato la vera anima del Gabibbo. Gero era infatti l'uomo che animava, da dentro, il celebre pupazzo rosso di "Striscia la notizia"....

20.08.2017

Jerry Lewis

Jerry Lewis

LUTTO NEL MONDO DELLO SPETTACOLO

Addio a Jerry Lewis, genio della comicità

È morto a Las Vegas, a 91 anni, l’attore statunitense Jerry Lewis, considerato dalla critica uno dei comici più celebri dello spettacolo Usa. Lo ha riportato alle 19.55 (ora ...

20.08.2017

Vulci "promosso" da Fabrizio Moro: "Tra qualche anno top in Italia"

Montalto di Castro

Vulci "promosso" da Fabrizio Moro: "Tra qualche anno top in Italia"

«Tra qualche anno Vulci sarà il Festival più bello d'Italia». Lo ha detto Fabrizio Moro, domenica 13 agosto 2017, all'ultimo appuntamento in programma del Vulci Music Fest, ...

17.08.2017