Cerca

Lunedì 27 Febbraio 2017 | 03:17

Villa Rosa, nuovo dramma lavorativo. Adesso è bufera sui nuovi contratti

I lavoratori denunciano: "Chiesto agli interessati di firmare senza nessuna negoziazione sindacale"

Villa Rosa, nuovo dramma lavorativo. Adesso  è bufera sui nuovi contratti

Nuovo dramma lavorativo ieri a Villa Rosa. Dopo le polemiche sui preannunciati 45 licenziamenti e sul costo faraonico del nuovo direttore generale (apparso sui quotidiani alcuni giorni fa: 530mila euro annui) alcuni dipendenti denunciano “momenti imbarazzanti” che avrebbero vissuto ieri.
A quanto sostengono i lavoratori, infatti, la direzione li avrebbe chiamati ad uno ad uno facendo vedere loro lettera di licenziamento da una parte e nuovi contratti dall’altra. Nuovi contratti capestro che senza nessuna negoziazione sindacale sarebbero stati proposti agli interessati. Qualcuno dei dipendenti ha risposto a tono chiedendo copia del nuovo contratto da far vedere all’avvocato di fiducia senza però ottenere nulla.
“Un comportamento da parte della direzione che non trova giustificazioni - denunciano i lavoratori - pensando al fatto che organizzazioni sindacali e la stessa Asl sono sul piede di guerra. A rimetterci potrebbe essere la stessa struttura e la sua convenzione di posti letto. Licenziando il personale potrebbero venir meno i parametri posti letto/dipendenti. Meno dipendenti meno posti letto. Meno posti letto meno lavoro e questo innescherebbe una spirale perversa che potrebbe portare in estrema ratio alla chiusura di villa rosa stessa”.

Servizio integrale nel Corriere di Viterbo del 20 febbraio

Più letti oggi

il punto
del direttore