Un caso di scabbia a scuola e tra i genitori scatta l'allarme

Un caso di scabbia a scuola e tra i genitori scatta l'allarme

Scuola primaria, genitori impauriti si sono presentati a scuola per sapere se esiste un reale pericolo di contagio. Dall’istituto tranquillizzano: "Non c’è alcun pericolo"

20.02.2013

0

Un caso di scabbia nell’istituto primario di Grotte Santo Stefano: i genitori allarmati minacciano di non far andare più a scuola i propri figli, ma i dirigenti li tranquillizzano:“ Non c’è alcun tipo di pericolo”. Si sono sfiorati momenti di tensione nel plesso di Grotte Santo Stefano, Pio Fedi, quando ieri mattina alcuni genitori molto preoccupati hanno chiesto spiegazioni alle dirigenti in merito a un caso di scabbia. Una bambina, infatti, avrebbe contratto la malattia, ma ora dopo svariati giorni di assenza sarebbe pronta a tornare tra i banchi di scuola, con certificato medico annesso. Ma questo è sembrato non bastare ai genitori impauriti che la profilassi per la guarigione della piccola non sia stata completamente seguita e che quindi si possa palesare un probabile contagio. La scabbia, infatti, è un’infezione contagiosa della pelle ed è una delle tre malattie della pelle più comuni nei bambini.

Servizio integrale nel Corriere di Viterbo del 20 febbraio
a cura di AnPa

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

La video ricostruzione dell'omicidio di Alatri

La video ricostruzione dell'omicidio di Alatri

Così è morto Emanuele Morganti, il ventenne di Alatri massacrato di botte nella notte tra venerdì 24 e sabato 25 marzo. La ricostruzione dei fatti, dallo scontro nel locale al pestaggio in strada. Testi di Corrado ZuninoAnimazione di Paolo Samarelli