Cerca

Giovedì 19 Gennaio 2017 | 14:04

Malattie sessualmente trasmesse, il centro di riferimento Aids ha incontrato gli studenti dell'Orioli

Al termine dell’iniziativa circa 30 ragazzi hanno dato il consenso al prelievo ematico diagnostico per gli anticorpi anti Hiv

Malattie sessualmente trasmesse, il centro di riferimento Aids ha incontrato gli studenti dell'Orioli

Prevenire le malattie sessualmente trasmesse è possibile, con una corretta informazione e conoscenza.

Informare i più giovani
Grazie al team del centro di riferimento Aids della Ausl di Viterbo vengono  organizzati incontri sull’argomento, per sensibilizzare le fasce più giovani. Le iniziative si stanno svolgendo all’interno degli istituti scolastici del viterbese. Questa mattina gli operatori dell’azienda sanitaria, hanno incontrato gli studenti delle classi quarte e quinte dell’istituto tecnico Orioli di Viterbo. A partecipare sono stati oltre 180 ragazzi. Nel corso dell’evento sono stati affrontati temi attuali che riguardano la prevenzione dalle più severe malattie sessualmente trasmesse, con particolare riferimento all’infezione da Hiv e all’Aids, una condizione che oggi è acquisita prevalentemente attraverso i rapporti sessuali non protetti.

Prelievi agli studenti
Al termine dell’incontro, l’equipe del centro di riferimento Aids della Ausl viterbese, ha provveduto anche a effettuare i prelievi ematici diagnostici per gli anticorpi anti HIV agli studenti maggiorenni che ne hanno fatto richiesta.

Antonio Caterini “Con grande soddisfazione abbiamo realizzato circa 30 prelievi ematici. In questi incontri sostegno sempre che, se anche riuscissimo a mettere in salvo la salute di un solo ragazzo, avremmo raggiunto un gran bell’obiettivo. Ritengo che queste iniziative, condivise con gli organi scolastici, vadano sicuramente supportate, anche in considerazione del trend di circa 600 nuove infezioni l’anno da HIV che vengono registrate nella nostra regione e del fatto che molte persone, sessualmente attive, siano completamente ignare della loro condizione di sieropositività”.

Più letti oggi

il punto
del direttore