Cerca

Martedì 21 Febbraio 2017 | 11:06

De Simone sui nuovi criteri per il calcolo dell'inflazione: "Dal paniere Istat entrano i tablet, escono gli anziani"

"Pensiamo che sia necessario introdurre l'utilizzo di un paniere speciale, più tarato sui bisogni commerciali e sulle esigenze della popolazione anziana"

De Simone sui nuovi criteri per il calcolo dell'inflazione: "Dal paniere Istat entrano i tablet, escono gli anziani"

"Nel paniere Istat per il controllo dell'inflazione entrano tablet, smartphon ed energy drink, tutti prodotti dal target giovanile cui gli anziani e pensionati non sono interessati - spiega in una nota Andrea de Simone, segretario provinciale di Confartigianato - in questo modo la politica rischia di perdere di vista i problemi della categoria che in questo momento sta soffrendo di più la crisi economica". Il segretario ha così commentato il ritocco dell'elenco dei 1.429 prodotti che costituiscono il paniere su cui l'istituto nazionale di statistica calcola il tasso di inflazione. "Non è certo nostra intenzione suggerire all’Istat quali prodotti monitorare e quali no – aggiunge De Simone – ma pensiamo che sia necessario introdurre l’utilizzo di un paniere speciale, più tarato sui bisogni commerciali e sulle esigenze della popolazione anziana".

Peverini, associazione nazionale anziani e pensionati "Le persone con più di 65 anni  rappresentano oltre il 20% della popolazione nazionale, ed è una percentuale destinata ad aumentare nei prossimi anni. Sono una parte della società non coinvolta nella tipologia di acquisti “hi-tec”, presi ad oggetto dall’Istat, ma che avrebbe bisogno di veder tutelato il suo potere di spesa, piuttosto compromesso negli ultimi anni. Basti citare l’aumento del costo dei beni alimentari, che segnano un rialzo del 3,2%: il più rilevante dal 2009".

"Ci auguriamo che il nuovo Governo - conclude de Simone - affronti questo problema, che non è certamente di poco conto, visti soprattutto i sacrifici che di recente sono stati chiesti ai pensionati".

Più letti oggi

il punto
del direttore