"One billion rising" per dire basta alla violenza sulle donne

"One billion rising" per dire basta alla violenza sulle donne

Anche Viterbo parteciperà a questa iniziativa che prenderà il via giovedì 14 febbraio in tutte le piazze d'Italia e del mondo

06.02.2013

0

Più di un miliardo di persone, giovedì 14 scenderanno in piazza per danzare e dire basta alla violenza sulle donne in tutto il mondo. La canzone che accompagnerà questa danza collettiva, sarà "Spezza la catena" ("Break the chain"). A Viterbo si svolgerà in corso Italia 71 dalle ore 15, perchè "Un miliardo di donne che hanno subito violenza è un'atrocità. Ma un miliardo di donne che danzano è una rivoluzione."

L'evento A Viterbo ad organizzare l'iniziativa è l'associazione Erinna: "Unisciti a noi il 14 febbraio 2013". L'associazione convoca e organizza l’evento "One billion rising" a Viterbo. Per info e contatti: onebillionrisingviterbo@gmail.com”. Giovedì in tutte le piazze d’Italia e del mondo, donne, uomini, ragazzini e ragazzine, scenderanno in piazza per manifestare attraverso la condivisione, la gioia e il ballo.

Gli obbiettivi Si cerca con tutti i mezzi di aumentare il numero dei centri antiviolenza e degli sportelli, fino ad averne uno in ogni Comune di Italia, finanziare adeguatamente il piano antiviolenza, costruire la rete prevista dalla legge sullo stalking, che coinvolga pronti soccorso, servizi sociali, forze dell’ordine e infine velocizzare la risposta dei tribunali. "Ci vuole una  assunzione di responsabilità politica, una presa di coscienza dell’esistenza della violenza di genere, in modo che entri a far parte dell’agenda della politica e delle coscienze di ogni cittadino".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

La video ricostruzione dell'omicidio di Alatri

La video ricostruzione dell'omicidio di Alatri

Così è morto Emanuele Morganti, il ventenne di Alatri massacrato di botte nella notte tra venerdì 24 e sabato 25 marzo. La ricostruzione dei fatti, dallo scontro nel locale al pestaggio in strada. Testi di Corrado ZuninoAnimazione di Paolo Samarelli