Cerca

Giovedì 23 Febbraio 2017 | 19:48

La Regione autorizza l’arrivo di sette infermieri e di un medico pediatra

Giungeranno in sostituzione di altrettante colleghe assenti per maternità. De Santis: "Garantiti i livelli essenziali di assistenza nelle unità operative interessate dal provvedimento"

La Regione autorizza l’arrivo di sette infermieri e di un medico pediatra

Lunedì 15 la Regione Lazio ha autorizzato la Ausl di Viterbo alla sostituzione di sette infermieri e di un dirigente medico pediatra, attualmente assenti dal luogo di lavoro per maternità. La nota, a firma del direttore regionale Ferdinando Romano e del dirigente dell’area Floriana Rosati, è giunta dopo alcune lettere di richiesta di sostituzione inviate dalla Ausl di Viterbo, l’ultima delle quali lo scorso 21 dicembre, da parte del commissario straordinario Antonio De Santis.
Nello specifico, i sei infermieri che subentreranno alle colleghe assenti per maternità sono stati destinati alle unità di oncologia e Pronto soccorso nel presidio ospedaliero di Tarquinia e alle unità di cardiologia, rianimazione, ematologia e Pronto soccorso (due operatori) nel complesso ospedaliero di Belcolle, mentre il medico pediatra opererà nel punto nascita di Tarquinia. "L’autorizzazione regionale – commenta il commissario straordinario della Ausl di Viterbo, Antonio De Santis - ci soddisfa perché accoglie le richieste che abbiamo avanzato al fine di mantenere i livelli essenziali di assistenza in alcuni servizi nei quali si era verificata una significativa carenza di personale".

Più letti oggi

il punto
del direttore