Cerca

Martedì 24 Gennaio 2017 | 10:12

Arsenico nell'acqua: convocata l'assemblea fra Cna Sostenibile di Viterbo e l'associazione Panificatori e Pasticceri

Il presidente dell'associazione Claudio Cavalloro: "I problemi non nascono oggi. Tuttavia, ci sembra opportuno ricordare cosa si deve fare. Ai presenti distribuiremo anche un vademecum"

Arsenico nell'acqua: convocata l'assemblea fra Cna Sostenibile di Viterbo e l'associazione Panificatori e Pasticceri

Convocato per giovedì prossimo, 17 gennaio, alle 18 alla sede di Cna Sostenibile di Viterbo l’incontro dell’associazione provinciale Panificatori e Pasticceri che sarà anche l’occasione per fare il punto sulle misure che le imprese sono tenute ad adottare laddove la concentrazione di arsenico nell’acqua è superiore a 10 microgrammi il litro e quella dei fluoruri a 1,5 microgrammi.
Non ci sono novità, perché nel settore alimentare vige da 2 anni l’obbligo di utilizzare acqua con valori entro i limiti fissati dall’Unione europea, sia per la produzione che per la preparazione e il trattamento dei prodotti forniti al consumatore, tanto che molte aziende si sono dotate di impianti privati di dearsenificazione e quelle che non lo hanno fatto si approvvigionano comunque di acqua potabile, per lo più dalle fontanelle installate dai Comuni.
Entrambe le scelte comportano una serie di adempimenti, come le analisi periodiche nel primo caso e la tracciabilità dell’approvvigionamento del secondo. E ogni nuova iniziativa va annotata nel piano aziendale di autocontrollo igienico-sanitario.
"I problemi non nascono oggi. Tuttavia, ci sembra opportuno ricordare cosa si deve fare. Ai presenti - dice il presidente dell'associazione, Claudio Cavalloro - distribuiremo anche un vademecum".

Più letti oggi

il punto
del direttore