Cerca

Martedì 28 Febbraio 2017 | 17:43

Rifiuti a Pontinia, aumentano i costi

In Provincia s’indignano per quelli romani, ma domani il centro di Tuscania chiude. Gravi disagi per i Comuni

Rifiuti a Pontinia, aumentano i costi

Agli amministratori della Tuscia l’oscar del controsenso. Il red carpet potrebbe benissimo stendersi all’ingresso di Palazzo Gentili dove un giorno promettono barricate contro il rifiuti romani, ma da lunedì una trentina di Comuni della Tuscia saranno costretti a trasferire i fanghi e l’umido da differenziata negli impianti di compostaggio di Aprilia e Pontinia. Documenti alla mano, da lunedì l’impianto di compostaggio di Tuscania, uno dei due impianti della provincia visto che l’altro si trova a Tarquinia, interromperà il conferimento dei rifiuti per dare inizio alla perimetrazione del sito e ai lavori di adeguamento tecnico dell’impianto. Uno stop che, addirittura, potrebbe protrarsi per almeno 8 mesi. Ciò significa che alcuni dei Comuni che attualmente conferiscono i rifiuti nell’impianto di compostaggio di Tuscania, circa una trentina, dovranno conferire i fanghi e l’umido da differenziati in altre strutture. Chiaramente l’impianto di Tarquinia non potrà accogliere tutte le richieste e quindi diverse amministrazioni dovranno adeguarsi al disagio trasferendo i rifiuti negli impianti di Aprilia e Pontinia.

Servizio integrale nel Corriere di Viterbo del 13 gennaio

Più letti oggi

il punto
del direttore