Emergenza rifiuti, Meroi ed Equitani: "Decisione ingiusta e antidemocratica"

Emergenza rifiuti, Meroi ed Equitani: "Decisione ingiusta e antidemocratica"

Non resteranno con le mani in mano: "Ci stiamo confrontando con i presidenti delle altre province per concordare tutte le azioni da intraprendere a tutela degli interessi dei nostri territori"

09.01.2013 - 10:41

0

Il presidente della Provincia di Viterbo, Marcello Meroi, e l'assessore all'Ambiente, Paolo Equitani attaccano il Governo Monti riguardo la questione del trasporto dei rifiuti di Roma nelle province laziali: "Evidentemente al ministro dell'Ambiente, Corrado Clini, non è stata sufficiente la levata di scudi delle province laziali, Viterbo su tutte. Il decreto non solo è stato partorito, ma il buon Clini ha avuto anche l'arroganza di imporlo ai territori senza alcuna preventiva concertazione, limitandosi a convocare i rappresentanti delle province per illustrare una decisione già assunta".
La Provincia di Viterbo, secondo quanto riferito dal ministro, riceverà i rifiuti romani unicamente per la fase del trattamento meccanico e biologico presso l'impianto di Casale Bussi ma non ci sarà poi lo smaltimento nella discarica di Monterazzano. I rifiuti, una volta trattati, prenderanno dunque un'altra direzione.
"Ancora una volta - tuonano Meroi ed Equitani - il Governo Monti è riuscito a dare il peggio. Il decreto infatti è incompleto, superficiale, scandalosamente generico e non fornisce alcuna certezza sia a livello di tempistica che di procedure. Vogliamo sapere con esattezza come, e per quanto tempo, il nostro territorio sarà interessato dai provvedimenti ministeriali. Le rassicurazioni del ministro non ci convincono. Se è vero che nessun rifiuto di Roma sarà conferito nel sito di Monterazzano, ma soltanto trattato nell'impianto di Casale Bussi, chiediamo sia messo nero su bianco".
"Anche perché – ricordano - la Provincia ed i Comuni della Tuscia stanno facendo degli sforzi enormi per ridurre la quantità di rifiuti destinata alla discarica, potenziando al massimo la raccolta differenziata. Se Alemanno può scendere in piazza al fianco dei cittadini di Ponte Galeria per dire no all'apertura di una nuova discarica nella Capitale, sappia Clini che non saremo da meno - aggiungono ancora presidente e assessore - anche perché non sono state certo le province laziali a causare l'emergenza rifiuti di Roma. Inoltre secondo il piano regionale dei rifiuti ogni provincia doveva provvedere a smaltire la propria immondizia, perché quindi dovremmo farci carico delle inadempienze dei livelli governativi romani?".
"La verità – proseguono - è che il Governo Monti, anche stavolta, sta dimostrando tutto il suo totale dilettantismo condito di supponenza ed credendo di avere carta bianca da utilizzare senza alcun limite di civiltà e di buon senso".
"Il ministro Clini - dicono ancora - prima di adottare un simile decreto avrebbe dovuto convocare i territori e concertare le decisioni. La democrazia è questo: confronto, dialettica e ricerca di soluzioni condivise. Invece i rappresentanti delle Province sono stati convocati fuori tempo massimo, solo per essere informati di decisioni già prese e, peggio, per essere minacciati di incorrere in pesanti sanzioni nel caso in cui non sarà data ottemperanza ai contenuti del decreto. Tutto questo è inaccettabile".
Meroi ed Equitani annunciano la volontà di non restare con le mani in mano: "Con i presidenti delle altre province laziali ci siamo già confrontati e continueremo a farlo nelle prossime ore, concordando tutte le azioni da intraprendere a tutela degli interessi dei nostri territori. Siamo francamente stanchi di sobbarcarci soltanto gli oneri della vicinanza con Roma senza che questo comporti alcun concreto vantaggio. Non siamo disponibili a farci mettere i piedi sulla testa da chi ha dato ampia prova di non saper rispettare le regole democratiche" concludono.
Il presidente Meroi inoltre chiederà un incontro con il prefetto di Viterbo, Antonella Scolamiero, per avere ulteriori chiarimenti, dal rappresentante locale del Governo, in merito alle modalità d'attuazione del decreto.

NOTIZIE CORRELATE:
"Viterbo sarà la pattumiera di Roma, giovedì un consiglio straordinario in Provincia"

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

A Barcellona le Festes de Gràcia continuano: "Vincere la paura"

A Barcellona le Festes de Gràcia continuano: "Vincere la paura"

Barcellona (askanews) - Quella delle feste rionali estive è una delle tradizioni più sentite di Barcellona, ed è stata travolta dall'attentato della Rambla, come tutta la vita della metropoli catalana. Nel quartiere di Gràcia quest'anno si celebra il 200mo anniversario delle "Festes" più antiche e scenografiche della città, che durano un'intera settimana e cominciano a Ferragosto. Dopo l'attacco ...

 
Terrorismo, a Milano nuove barriere in centro e sui Navigli

Terrorismo, a Milano nuove barriere in centro e sui Navigli

Milano (askanews) - "Ci stiamo concentrando sulla zona del Duomo, della Galleria Vittorio Emanuele II e delle zone più visitate in questo momento, e stiamo facendo una verifica per rafforzare il posizionamento dei 'new jersey' in Darsena e sui Navigli". A Milano spuntano nuove barriere di cemento armato antiterrorismo per impedire l'accesso ai veicoli nelle zone pedonali più frequentate da ...

 
I musulmani di Barcellona: "Ora noi soffriamo due volte"

I musulmani di Barcellona: "Ora noi soffriamo due volte"

Barcellona (askanews) - A nemmeno un chilometro dalla grande Rambla di Barcellona c'è un'altra Rambla, quella del Raval. Ma è una Rambla molto diversa: questo è il quartiere più "multietnico" di Barcellona e quello con la più alta concentrazione di musulmani del centro storico, con ben cinque piccole moschee. L'attacco sulla Rambla rivendicato dallo Stato islamico suscita sgomento, rabbia e ...

 
Venezuela, la costituente pro-Maduro assume potere legislativo

Venezuela, la costituente pro-Maduro assume potere legislativo

Caracas (askanews) - L'assemblea costituente legata al presidente venezuelano Nicolas Maduro ha dichiarato di aver assunto i poteri dal parlamento, che è invece controllato dall'opposizione al presidente. In una riunione, l'assemblea ha adottato un decreto che autorizza ad "assumere tutte le funzioni per legiferare su materie direttamente collegate con la garanzia della pace, della sicurezza, ...

 
il gabibbo striscia la notizia

"STRISCIA LA NOTIZIA" IN LUTTO

E' morto il Gabibbo: Gero Cardarelli stroncato da un male incurabile

E' morto Gero Cardarelli, che per 27 anni è stato la vera anima del Gabibbo. Gero era infatti l'uomo che animava, da dentro, il celebre pupazzo rosso di "Striscia la notizia"....

20.08.2017

Jerry Lewis

Jerry Lewis

LUTTO NEL MONDO DELLO SPETTACOLO

Addio a Jerry Lewis, genio della comicità

È morto a Las Vegas, a 91 anni, l’attore statunitense Jerry Lewis, considerato dalla critica uno dei comici più celebri dello spettacolo Usa. Lo ha riportato alle 19.55 (ora ...

20.08.2017

Vulci "promosso" da Fabrizio Moro: "Tra qualche anno top in Italia"

Montalto di Castro

Vulci "promosso" da Fabrizio Moro: "Tra qualche anno top in Italia"

«Tra qualche anno Vulci sarà il Festival più bello d'Italia». Lo ha detto Fabrizio Moro, domenica 13 agosto 2017, all'ultimo appuntamento in programma del Vulci Music Fest, ...

17.08.2017