Ecco le indicazioni del Comune su come usare e non usare l'acqua non potabile causa arsenico

Ecco le indicazioni del Comune su come usare e non usare l'acqua non potabile causa arsenico

Anche a Viterbo un'ordinanza di non potabilità entrata in vigore oggi

02.01.2013 - 18:56

0

Arsenico nell’acqua, anche il Comune di Viterbo ha emesso l’ordinanza che entra oggi in vigore. “L’acqua erogata al consumo umano tramite pubblico acquedotto non è utilizzabile per gli usi contemplati dall’art. 2, comma 1 del D.L.vo 31/2001 – si legge nel provvedimento firmato dal sindaco Marini che annulla e sostituisce la precedente ordinanza n. 112 del 12 settembre 2011 -. Circa gli utilizzi e le limitazioni d’uso riferite al consumo di acqua contenente concentrazioni di arsenico superiori ai 10 microgrammi per litro e fluoruri superiori a 1,50 milligrammi per litro, si fa riferimento alle note rivolte alla cittadinanza a firma Ausl e Ato”.
In termini pratici, nelle zone dove si superano tali parametri, sarà fatto divieto d’uso potabile, divieto d’uso per cottura, reidratazione e ricostituzione di alimenti, divieto d’uso per preparazione di alimenti e bevande (escluso lavaggio frutta e verdura sotto flusso d’acqua e utilizzando acqua potabile per l’ultimo risciacquo), divieto d’uso per pratiche di igiene personale che comportino ingestione anche limitata di acqua (lavaggio denti e cavo orale), consentito uso dell’acqua per igiene personale (es. doccia) tranne nei casi di presenza di specifiche patologie cutanee (eczema, patologie cutanee a rischio anche di tipo evolutivo o degenerativo), divieto d’impiego da parte delle imprese alimentari. Tra gli  usi consentiti rientrano invece le operazioni di igiene domestica (lavaggio indumenti, stoviglie e ambienti), lo scarico del wc e gli impianti di riscaldamento.
Il tutto fa seguito alla scadenza improrogabile delle deroghe concesse dalla Regione Lazio relativamente all’erogazione di acqua destinata al consumo umano contenente concentrazioni di arsenico e fluoruri superiori ai limiti stabiliti dal già citato decreto legislativo 31/2001.
Sempre in base a tale decreto, sotto il profilo giuridico amministrativo, l’acqua è conforme solo se risulta avere una concentrazione di arsenico inferiore o uguale a 10 microgrammi per litro e fluoruri inferiori a 1,50 microgrammi per litro.
Nell’informativa agli utenti, sottoscritta dalla Provincia di Viterbo lo scorso 28 dicembre e allegata all’ordinanza n. 132, si precisa che “non sono mutate le caratteristiche delle acque captate e che la presenza di arsenico e di fluoruri è di natura geologica, ma sono scaduti i termini di deroga che permettevano un parziale uso delle acque distribuite a fini potabili. La mancata concessione di ulteriori periodi di deroga da parte della Commissione europea ha imposto di riadeguare i piani di intervento, prevedendo la realizzazione immediata di impianti di trattamento locali. La Regione Lazio - si legge ancora nell’informativa – ha in corso di esecuzione tali impianti di trattamento che permetteranno di riportare nei parametri di legge tutte le acque destinate al consumo umano aventi concentrazioni di arsenico superiore a 20 microgrammi per litro (Prima Fase) ed ha avviato le procedure per realizzare gli impianti di trattamento per le acque destinate al consumo umano con concentrazioni ricomprese tra 10 e 20 microgrammi per litro (Seconda Fase). La stessa Regione Lazio prevede di ultimare gli impianti di Prima Fase entro il 30 giugno 2013 e quelli di Seconda Fase entro il 31 dicembre 2014”.
Sulla base dei principi di massima precauzione e considerati i rischi che potrebbero derivare dell’interruzione totale dell’attuale approvvigionamento idrico nelle zone interessate, ogni Comune emanerà apposita ordinanza sindacale, con efficacia a partire dal 1 gennaio 2013 per un periodo di tempo il più possibile limitato e comunque non oltre le due scadenze stabilite in base alle due fasi.
“Il 2013 si apre nel pieno dell’emergenza arsenico – ha commentato il sindaco Marini non appena sottoscritta l’ordinanza -: emergenza che non è saltata fuori all’improvviso, ma è frutto di anni di inerzia e incapacità amministrativa da parte dell’asse di centro sinistra Provincia-Regione. La problematica si trascina infatti dal 2006, mai però si è pensato di affrontare e, figuriamoci, gestire, quella che stava diventando una vera e propria emergenza.
Solo nel 2011 finalmente la giunta regionale Polverini ha stanziato i fondi per combattere questo problema che interessa  gran parte dei comuni laziali. In questo intervento rientra anche il finanziamento dei nostri quattro dearsenificatori, due dei quali in funzione da qualche mese. Gli altri due saranno attivati a breve. Era inevitabile quest’ordinanza. Come sindaco, dovendomi attenere alla normativa vigente, non posso far altro che uniformarmi a quanto stabilito dalla Regione e dall’Istituto Superiore di Sanità”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Previsioni meteo per lunedì, 1 maggio

Previsioni meteo per lunedì, 1 maggio

Maltempo al Nord: dapprima piogge al Nordovest, poi a seguire anche al Nordest; neve sulle Alpi fino a 1000 metri, localmente anche a quote inferiori.

 
Brexit, i 27 leader Ue approvano le linee guida del negoziato

Brexit, i 27 leader Ue approvano le linee guida del negoziato

Bruxelles (askanews) - I leader dei Ventisette Paesi dell'Unione europea, esclusa la Gran Bretagna, hanno approvato le linee guida per il negoziato sulla Brexit. "Per fare progressi sufficienti abbiamo bisogno di una risposta britannica seria" ha annunciato il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk nella conferenza stampa finale del vertice di Bruxelles. "Voglio assicurarvi che non appena ...

 
Frana tavolge villaggio in Kirghizistan: il video amatoriale

Frana tavolge villaggio in Kirghizistan: il video amatoriale

Bishkek, 29 apr. (askanews) - Una frana che ha travolto la case di un villaggio kirghiso ha ucciso 24 persone, tra cui nove bambini. La frana si è abbattuta sul villaggio di Ayu nella regione di Osh attorno alle 0640 del mattino (le 2,40 italiane) e ha travolto sei abitazioni con tutte le persone all'interno. Quaranta famiglie che vivono nella zona del disastro sono state evacuate per precauzione ...

 
Francia, Le Pen: se eletta, sovranista Dupont-Aignan sarà premier

Francia, Le Pen: se eletta, sovranista Dupont-Aignan sarà premier

Parigi (askanews) - Marine le Pen ha annunciato che se sarà eletta all'Eliseo, nominerà primo ministro il sovranista Nicolas Dupont-Aignan, che ha partecipato al primo turno delle presidenziali ottenendo il 4,7% dei voti. In una conferenza stampa congiunta, la leader del Front National ha definito "un patriota" Dupont-Aignan, ringraziandolo per il sostegno del suo partito - l'antieuropeista ...

 
Elton John ha rischiato di morire

Rara infezione

Elton John ha rischiato di morire

Elton John ha rischiato di morire per una rara infezione contratta mentre era in tour in Sudamerica. Lo fa sapere il portavoce del cantante inglese, che si è sentito male la ...

Palazzo Farnese, la sala dei mappamondi

Caprarola

Palazzo Farnese, la sala dei mappamondi

Domenica 2 aprile come ogni prima domenica del mese l'ingresso allo splendido Palazzo Farnese di Caprarola era gratuito e aperto a tutti. Una ghiotta occasione per ammirarne le ...