Meroi tuona: "Non siamo disponibili a diventare la pattumiera di Roma"

Meroi tuona: "Non siamo disponibili a diventare la pattumiera di Roma"

"La proposta del Ministro dell’Ambiente Clini, relativamente all’idea di trasferire parte dei rifiuti di Roma nelle altre province è inaccettabile oltre che scandalosa"

02.01.2013 - 13:02

0

"Non c’è che dire, questo governo non si smentisce mai. Anche a camere sciolte continua a far danni al Paese. La proposta del Ministro dell’Ambiente Corrado Clini, relativamente all’idea di trasferire parte dei rifiuti di Roma nelle altre province è inaccettabile oltre che scandalosa". Va giù duro il presidente della Provincia Marcello Meroi contro la soluzione prospettava dal Governo Monti per risolvere l’emergenza rifiuti nella Capitale. Clini ha annunciato in un’intervista intenzione di predisporre un apposito decreto che oltre a delineare di più e meglio le funzioni del ommissario per l’emergenza rifiuti, contempli anche l’ipotesi di trasferire parte dei rifiuti prodotti nella Capitale negli impianti delle altre province laziali, a suo giudizio non sufficientemente sfruttati. "Si ripete la solita storia – attacca Meroi – la vicinanza con Roma si conferma uno svantaggio per le province laziali, utilizzate unicamente come camera di compensazione per i problemi della Capitale. Mentre per colpa di questo Governo tecnico la Tuscia vede sfumare la possibilità di avere l’aeroporto, adesso il ministro Clini non sapendo come fronteggiare l’emergenza rifiuti di Roma, ha pensato bene di risolvere la situazione distribuendo l’immondizia in tutto il Lazio. Una prospettiva che contrasteremo con ogni mezzo, ennesimo esempio dell’arroganza di un esecutivo tecnocratico senza alcuna legittimazione popolare, che proprio negli ultimi giorni di mandato, sembra deciso a creare disagi ai territori in ogni ambito d’intervento. Al ministro Clini ricordiamo che gli impianti della Provincia di Viterbo già si fanno carico di ricevere e smaltire i rifiuti prodotti nella provincia di Rieti, dal momento che, nonostante le promesse più volte ribadite dalle varie giunte regionali, la provincia limitrofa non si è mai dotata di impianti propri. Una servitù che ha provocato nel corso degli anni la rapida saturazione della discarica di Monterazzano, con l’esigenza di raddoppiarne più volte la capacità volumetrica". Il vicepresidente con delega all’Ambiente Paolo Equitani rincara la dose: "Siamo di fronte ad una situazione assurda e paradossale – spiega – solo pochi mesi fa il Consiglio regionale del Lazio ha approvato in via definitiva il nuovo Piano regionale dei rifiuti nel quale veniva riconfermato il principio fondamentale secondo cui, i rifiuti prodotti all’interno di una provincia, devono essere smaltiti nel proprio ambito territoriale. Unica eccezione era rappresentata proprio dalla Provincia di Viterbo che, come avviene già da anni è chiamata a smaltire i rifiuti di Rieti fino al 2015. Tutto ciò mentre i Comuni della Tuscia si stanno impegnando a ridurre i rifiuti da conferire in discarica, mettendo in campo un sistema di raccolta differenziata porta a porta, sostenuto da un cospicuo piano di investimenti regionale di oltre 8 milioni di euro, che nell’anno 2013 porterà sicuramente al raggiungimento del 65% di raccolta differenziata sul territorio. E’ assurdo dover constatare che mentre si sta lavorando per ridurre la quantità di rifiuti da conferire nella discarica di Monterazzano, qualcuno pensi di incrementare la mole facendo arrivare l’immondizia dalla Capitale". "Come già avvenuto con la vicenda dell’aumento delle tariffe di smaltimento – proseguono Meroi ed Equitani -  in accordo con il Comune di Viterbo e con tutti gli altri sindaci del territorio, siamo pronti a fare le barricate mettendo in atto tutte le iniziative idonee a scongiurare questa folle decisione del Governo. Non siamo disponibili a diventare la pattumiera di Roma".

NOTIZIE CORRELATE:
"Schermaglie fra Marini e Clini: "Non diventeremo la discarica di Roma"

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

A Barcellona le Festes de Gràcia continuano: "Vincere la paura"

A Barcellona le Festes de Gràcia continuano: "Vincere la paura"

Barcellona (askanews) - Quella delle feste rionali estive è una delle tradizioni più sentite di Barcellona, ed è stata travolta dall'attentato della Rambla, come tutta la vita della metropoli catalana. Nel quartiere di Gràcia quest'anno si celebra il 200mo anniversario delle "Festes" più antiche e scenografiche della città, che durano un'intera settimana e cominciano a Ferragosto. Dopo l'attacco ...

 
Terrorismo, a Milano nuove barriere in centro e sui Navigli

Terrorismo, a Milano nuove barriere in centro e sui Navigli

Milano (askanews) - "Ci stiamo concentrando sulla zona del Duomo, della Galleria Vittorio Emanuele II e delle zone più visitate in questo momento, e stiamo facendo una verifica per rafforzare il posizionamento dei 'new jersey' in Darsena e sui Navigli". A Milano spuntano nuove barriere di cemento armato antiterrorismo per impedire l'accesso ai veicoli nelle zone pedonali più frequentate da ...

 
I musulmani di Barcellona: "Ora noi soffriamo due volte"

I musulmani di Barcellona: "Ora noi soffriamo due volte"

Barcellona (askanews) - A nemmeno un chilometro dalla grande Rambla di Barcellona c'è un'altra Rambla, quella del Raval. Ma è una Rambla molto diversa: questo è il quartiere più "multietnico" di Barcellona e quello con la più alta concentrazione di musulmani del centro storico, con ben cinque piccole moschee. L'attacco sulla Rambla rivendicato dallo Stato islamico suscita sgomento, rabbia e ...

 
Venezuela, la costituente pro-Maduro assume potere legislativo

Venezuela, la costituente pro-Maduro assume potere legislativo

Caracas (askanews) - L'assemblea costituente legata al presidente venezuelano Nicolas Maduro ha dichiarato di aver assunto i poteri dal parlamento, che è invece controllato dall'opposizione al presidente. In una riunione, l'assemblea ha adottato un decreto che autorizza ad "assumere tutte le funzioni per legiferare su materie direttamente collegate con la garanzia della pace, della sicurezza, ...

 
il gabibbo striscia la notizia

"STRISCIA LA NOTIZIA" IN LUTTO

E' morto il Gabibbo: Gero Cardarelli stroncato da un male incurabile

E' morto Gero Cardarelli, che per 27 anni è stato la vera anima del Gabibbo. Gero era infatti l'uomo che animava, da dentro, il celebre pupazzo rosso di "Striscia la notizia"....

20.08.2017

Jerry Lewis

Jerry Lewis

LUTTO NEL MONDO DELLO SPETTACOLO

Addio a Jerry Lewis, genio della comicità

È morto a Las Vegas, a 91 anni, l’attore statunitense Jerry Lewis, considerato dalla critica uno dei comici più celebri dello spettacolo Usa. Lo ha riportato alle 19.55 (ora ...

20.08.2017

Vulci "promosso" da Fabrizio Moro: "Tra qualche anno top in Italia"

Montalto di Castro

Vulci "promosso" da Fabrizio Moro: "Tra qualche anno top in Italia"

«Tra qualche anno Vulci sarà il Festival più bello d'Italia». Lo ha detto Fabrizio Moro, domenica 13 agosto 2017, all'ultimo appuntamento in programma del Vulci Music Fest, ...

17.08.2017