Cerca

Domenica 19 Febbraio 2017 | 17:39

San Raffaele, Giuliano: "Si apra un tavolo di confronto per chiarire la situazione"

L'esponente dell'Ugl: "Siamo pronti a mettere in atto tutte le forme di protesta necessarie affinché i lavoratori non debbano ancora una volta pagare oltre ogni misura colpe a loro non attribuibili"

San Raffaele, Giuliano: "Si apra un tavolo di confronto per chiarire la situazione"

Il responsabile dell'Ugl Sanità Gruppo San Raffaele Lazio, Gianluca Giuliano avanza una richiesta in merito alla situazione del San Raffaele: "Chiediamo al ministro della Salute di aprire un tavolo di concertazione tra il commissario ad acta per la Sanità nella Regione Lazio, la Tosinvest Spa e le organizzazioni sindacali per poter affrontare le problematiche delle strutture del Gruppo San Raffaele nel Lazio e scongiurarne la chiusura".  Secondo Giuliano "la situazione di estrema difficoltà in cui versano i lavoratori, a causa dei costanti ritardi degli stipendi o, addirittura, di omessi pagamenti, merita un approfondimento da parte di tutte le istituzioni. Il futuro di tutto il personale - continua il sindacalista - appare sempre più incerto anche alla luce delle chiusure entro 15 giorni della Casa di cura San Raffaele di Cassino, di Villa Buon Respiro a Viterbo e del San Raffaele Montecompatri". "Nel continuo gioco di rimbalzo di responsabilità tra istituzioni e gruppo Tosinvest - aggiunge Giuliano - si perde di vista la disperazione dei lavoratori che temiamo possa indurli anche a gesti estremi e incontrollabili, come già avvenuto in altre realtà in crisi. Siamo pronti a mettere in atto - conclude l'esponente dell'Ugl - tutte le forme di protesta necessarie affinché i lavoratori non debbano ancora una volta pagare oltre ogni misura colpe a loro non attribuibili".


NOTIZIE CORRELATE:
"Villa Buon Respiro come l'Ilva"

Più letti oggi

il punto
del direttore