Cerca

Martedì 24 Gennaio 2017 | 22:29

Villa Buon Respiro, lavoratori e sidacati pronti al sit-in, Marini: "E adesso basta"

Il commento del sindaco di Viterbo è riferito alla precaria situazione del personale dipendente che non riceve stipendio

“E adesso basta!”. Queste le parole del sindaco Giulio Marini pronunciate questa mattina all'ingresso di Villa Buon Respiro. Il riferimento è chiaro e riguarda la precaria situazione del personale dipendente che non riceve stipendio e quella della struttura che dalla Regione non percepisce i fondi per la regolare gestione. Sul posto, oltre al direttore sanitario della struttura Massimo Gemini, lavoratori e rappresentanti sindacali, pronti a dare inizio a un vero e proprio sit in.
"In più occasioni ho espresso solidarietà e vicinanza alla struttura per problematiche di diversa natura che si sono susseguite negli ultimi mesi. Ricordo la scorsa estate – spiega il sindaco Marini - quando insieme al Prefetto di Viterbo Scolamiero e agli altri rappresentanti delle istituzioni territoriali, abbiamo dato il nostro appoggio per sostenere un'importante causa: scongiurare la sospensione del servizio di un'indispensabile struttura sanitaria come Villa Buon Respiro. La Regione chiedeva adeguamenti strutturali, nel rispetto delle vigenti norme e delle prescrizioni impartite. E gli adeguamenti sono stati garantiti nei tempi. Ora ci risiamo. Dopo soli tre mesi il futuro della struttura è di nuovo a rischio. A rischio oltre 200 posti di lavoro e la sorte di 230 famiglie che da sempre vedono in Villa Buon Respiro un riferimento per garantire a un proprio caro con disabilità quei servizi assistenziali indispensabili e fondamentali per una vita quasi normale. Per questo, oggi, dico davvero “Basta!”. Mi auguro che il commissario straordinario per la Sanità Bondi possa sbloccare i fondi dovuti, per il bene, ma anche e soprattutto per il rispetto di chi lavora, e di chi ogni giorno si affida ad un riferimento sanitario e assistenziale come Villa Buon Respiro. La mia disponibilità a sostegno di questa causa è totale. Ai sindacati che affiancano i lavoratori, da questa mattina fuori l'ingresso della struttura, su strada Filante, e a tutti gli altri presenti per la stessa missione, dico di andare avanti con la loro protesta. Il Comune di Viterbo è con loro”. Sul posto con il sindaco Marini, anche l'assessore Muroni.


NOTIZIE CORRELATE:
"Villa Buon Respiro, una settimana di passione"

Più letti oggi

il punto
del direttore