E i familiari si improvvisano infermieri

A Ortopedia ormai va in scena il teatro dell’assurdo solo quattro medici per trenta posti letto. “Ho dovuto imboccare io un anziano visto che il personale era troppo impegnato con gli altri malati. Questa non credo sia sanità”

01.11.2012 - 14:32

0

Numeri che scendono vertiginosamente come una Borsa in perdita e in questo caso a crescere non è lo spread, ma il divario tra i cittadini e la fiducia nel sistema sanitario. Un rapporto che, negli ultimi periodi, si è incrinato, rovinato, erosodai tagli e dalle riduzioni. Al reparto di Ortopedia i medici sono rimasti in quattro, uno per turno, visto che due precari se ne sono andati scegliendo la stabilità in un altro ospedale fuori la provincia, gli infermieri sono due o al massimo tre per turno, i posti letto trenta e i pazienti ci rimettono. “Mio padre è stato ricoverato in quel reparto per diverso tempo per una frattura al femore - spiega Maddalena -. I medici sono stati eccezionali, ma i pazienti erano tanti, le esigenze pure e il personale minimo. In una occasione ho dovuto io imboccare un paziente che aveva il letto vicino a quello di mio padre. Gli infermieri venivano, poi avevano un’altra chiamata, correvano e quel poveretto, un’anziano che non aveva nessuno, rischiava addirittura di non mangiare. E’ sanità questa?”.

Notizia integrale nel Corriere di Viterbo del 31 ottobre
A cura di AnPa

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Mandela, l'album degli scatti memorabili che raccontano una vita

Mandela, l'album degli scatti memorabili che raccontano una vita

Sudafrica (TMNews) - Scatti che raccontano una vita. E se si tratta di Mandela, le istantanee finiscono per fotografare la storia. A partire dagli anni della gioventù fino alla maturità, in chiaro scuro: sono gli anni della battaglie politiche contro l'apartheid in Sudafrica, dell'amore e del matrimonio con Winnie e poi dei processi fino alla condanna all'ergastolo nel 1964 e la prigionia a ...

 
Nelson Mandela, una vita di lotta nel nome della libertà

Nelson Mandela, una vita di lotta nel nome della libertà

Milano (TMNews) - L'uomo destinato a cambiare la storia è nato sulle rive di un fiume, in un villaggio nel Sudafrica Orientale, il 18 luglio del 1918. Qui Nelson Mandela capisce il prezzo della libertà, in questo caso la sua: a poco più di 20 anni fugge dal villaggio ribellandosi al capo tribù che lo aveva destinato ad un matrimonio combinato. Così comincia ad urlare il suo no alle ingiustizie, ...

 
Il mondo della musica piange il maestro Caruso

lutto

Il mondo della musica piange il maestro Caruso

È morto all'età di 82 anni Pippo Caruso, maestro e direttore d'orchestra noto per aver preso parte a numerosi programmi televisivi di successo al fianco di Pippo Baudo, di ...

29.05.2018

È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018