Cerca

Lunedì 23 Gennaio 2017 | 21:52

Scuola

Al Fantappiè il trofeo "Città di Viterbo"

Al Fantappiè il trofeo "Città di Viterbo"

Si è svolta presso il centro sportivo Oratorio Murialdo, la piscina Larus Sport Center e il PalaVolley la terza edizione del Trofeo a squadre “Città di Viterbo” di acquacanestro, pallavolo, calcio a 5 e pallamano. Patrocinato dal Comune di Viterbo e organizzato dal Coordinamento di Educazione Fisica dell'Ufficio Scolastico, l'evento, il primo dei quattro previsti in provincia, ha visto la partecipazione degli alunni degli istituti comprensivi Ellera, Egidi, Fantappié e Vanni.
Gli incontri, che si sono svolti nel corso dell'intera mattinata, hanno avuto inizio dopo il sorteggio da cui sono scaturiti gli abbinamenti: Vanni/Egidi e Ellera/Fantappié. I vincitori dei due raggruppamenti sono risultati Fantappie e Vanni che hanno poi disputato le finali per il primo e secondo posto.
La classifica finale ha visto prevalere la Fantappié che, oltre ad aggiudicarsi il prestigioso trofeo "Città di Viterbo", avrà modo di partecipare alla manifestazione finale prevista a maggio 2015 tra le vincitrici degli altri concentramenti provinciali che si terranno a Grotte di Castro (4 novembre), Montalto di Castro (12 novembre) e Vignanello (data da definirsi).
Nel corso delle premizioni la professoressa Letizia Falcioni ha ringraziato quanti hanno dato il loro contributo per la buona riuscita della manifestazione: il Comune di Viterbo per il patrocinio, il dottor Pierluigi Tasciotti e l'associaizone Misericordia di Viterbo che hanno garantito l'assistenza medico sanitaria; la Parrocchia di San Leonardo Murialdo; le società Larus Sport Center e Asd Volley Ball Club Viterbo per la gentile concessione degli impianti sportivi; la Fipav per l'assistenza tecnica e tutti gli arbitri intervenuti.
Hanno presenziato alla consegna dei premi il consigliere delegato allo Sport del Comune di Viterbo Sergio Insogna, il consigliere comunale Gianluca Grancini e il delegato Coni Viterbo Alessandro Pica.

Più letti oggi

il punto
del direttore