Guerra aperta vigortra Comune e Vigor sulla gestione dello stadio

Acquapendente

Guerra aperta tra Comune e Vigor sulla gestione dello stadio

20.06.2017 - 12:36

0

Sulla gestione degli impianti sportivi Comune di Acquapendente e Vigor sono ai pesci in faccia. Anzi alle pallonate. Tutto nasce dalle contestazioni mosse dall’amministrazione Ghinassi alla società calcistica, fiore all’occhiello dello sport aquesiano, con tanto di conto da saldare in ordine al pagamento delle utenze, 65mila euro il totale, entro 15 giorni. Pena lo “sfratto” sia dal Campo boario che dall’illustre stadio Dario Dante Vitali (negli anni Sessanta e Settanta veniva utilizzato dalle grandi squadre, come per esempio la Fiorentina, per i ritiri).
Un’intimazione alla quale il direttivo della Vigor ha risposto picche, rivolgendosi a un legale. Il braccio di ferro, se le due parti non arriveranno a un accordo, finirà probabilmente in tribunale. Di certo c’è che ad Acquapendente in questi giorni non si parla d’altro. La questione tiene banco soprattutto nei bar e nelle piazze, dove in molti paventano la fuga sia della Vigor che di tutte le società sportive ad essa collegate, con conseguenze pesanti per il finora vivacissimo panorama sportivo aquesiano.
Dal 2011 la Vigor gestisce entrambi gli impianti in forza di una convenzione decennale. Dalla fine dello scorso anno, però, i rapporti tra Comune - dove ad Alberto Bambini è subentrato Angelo Ghinassi (il quale, al di là della comune appartenenza politica, ha dato diversi segnali di discontinuità nei confronti del predecessore) - e società si sono guastati. La rottura si è consumata alla fine della stagione calcistica, il 10 giugno, quando il Comune si è rivolto ad alcune ditte esterne per alcuni lavori all’interno degli impianti, convocando al contempo una riunione con le società per rendere nota l’introduzione di tariffe per l’utilizzo dei campi. Tutto ciò nonostante una convenzione tuttora in essere con la Vigor (la scadenza è fissata per il 2021). A questo punto il direttivo della società ha reagito. E' iniziata quindi una trattativa con il Comune che però si è risolta in un nulla di fatto. La resa dei conti è scattata in questi giorni, con la richiesta del Comune alla Vigor di saldare le utenze (gas, luce e acqua) degli anni pregressi (pagamenti non dovuti secondo la società), per un totale di 65mila euro, con annesse contestazioni per una serie di lavori ai quali la Vigor, ad avviso dell’amministrazione, non avrebbe ottemperato. E con annesso ultimatum: 15 giorni per mettersi in regola oppure il Comune agirà legalmente. Un diktat al quale la Vigor, che comunque sta valutando l’ipotesi di un trasloco altrove, non intende sottostare. “Non è nell’interesse di nessuno arrivare a una guerra nelle aule di un tribunale”, affermano da ambienti vicini alla società.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Mandela, l'album degli scatti memorabili che raccontano una vita

Mandela, l'album degli scatti memorabili che raccontano una vita

Sudafrica (TMNews) - Scatti che raccontano una vita. E se si tratta di Mandela, le istantanee finiscono per fotografare la storia. A partire dagli anni della gioventù fino alla maturità, in chiaro scuro: sono gli anni della battaglie politiche contro l'apartheid in Sudafrica, dell'amore e del matrimonio con Winnie e poi dei processi fino alla condanna all'ergastolo nel 1964 e la prigionia a ...

 
Nelson Mandela, una vita di lotta nel nome della libertà

Nelson Mandela, una vita di lotta nel nome della libertà

Milano (TMNews) - L'uomo destinato a cambiare la storia è nato sulle rive di un fiume, in un villaggio nel Sudafrica Orientale, il 18 luglio del 1918. Qui Nelson Mandela capisce il prezzo della libertà, in questo caso la sua: a poco più di 20 anni fugge dal villaggio ribellandosi al capo tribù che lo aveva destinato ad un matrimonio combinato. Così comincia ad urlare il suo no alle ingiustizie, ...

 
Milano, blitz contro la banda di Comasina, 8 indagati

Milano, blitz contro la banda di Comasina, 8 indagati

(Agenzia Vista) Milano, 17 luglio 2018 Sono in totale otto gli indagati: sette per spaccio di sostanze stupefacenti, uno per il reato di riciclaggio. Sono questi i numeri di un'operazione della polizia di Milano partita da un'indagine condotta nei mesi scorsi in zona Comasina del capoluogo lombardo stando a quanto riportato, il gruppo criminale si stava ricostituendo dalla base aveva spostato la ...

 
Il mondo della musica piange il maestro Caruso

lutto

Il mondo della musica piange il maestro Caruso

È morto all'età di 82 anni Pippo Caruso, maestro e direttore d'orchestra noto per aver preso parte a numerosi programmi televisivi di successo al fianco di Pippo Baudo, di ...

29.05.2018

È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018