Cerca

Mercoledì 18 Gennaio 2017 | 00:38

Acquapendente

Il sindaco: "Ospedale salvo, ma la guardia va tenuta alta"

Alberto Bambini

Il sindaco di Acquapendente Alberto Bambini

Il presidio di Acquapendente è stato classificato come ospedale di zona disagiata dotato di pronto soccorso, 30 posti di degenza per acuti in un unico reparto medico/chirurgico e 10 posti di day surgery multispecialistico. E' quanto previsto nel decreto, pubblicato e dunque ufficiale, del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti sulla “Riorganizzazione della rete ospedaliera a salvaguardia degli obiettivi strategici di rientro dai disavanzi sanitari della Regione Lazio”. “La Regione ha rispettato gli impegni presi – dichiara il sindaco Alberto Bambini – ed un altro importantissimo atto ufficiale va nella direzione auspicata da anni di battaglie e richieste motivate sia alla Regione che alla Asl. Ora bisogna concentrarsi sull’atto aziendale e fare in modo che sia in linea con gli atti del ministero della salute e della Regione e che i servizi previsti vengano trasferiti dalla carta alla realtà. Ci sarà bisogno di risorse umane e finanziarie per dare applicazione a ciò che è previsto nel decreto del presidente Zingaretti, e per fare questo dovremo continuare a batterci tutti insieme”.

Più letti oggi

il punto
del direttore