Acquapendente in festa con i "pugnaloni": domenica il clou della manifestazione

Acquapendente in festa con i "pugnaloni": domenica il clou della manifestazione

In gara grandi pannelli realizzati a mosaico con foglie e fiori, creati per simboleggiare il tema della libertà contro ogni forma di oppressione. Ecco il programma completo

15.05.2013

0

Ad Acquapendente tornano i "pugnaloni". Domenica 19 maggio il culmine della manifestazione di promavera. La cittadina si veste a festa con "pugnaloni" (bastoni di legno), cioè grandi pannelli (3,60 x 2,60) realizzati a mosaico con foglie e fiori, creati per simboleggiare il tema della libertà contro ogni forma di oppressione. La loro origine, infatti, si fa risalire a leggendario episodio della storia della cittadina dell'Alto Lazio:  il miracolo della Madonna del Fiore avvenuto nel 1166. In quel periodo la cittadina era governata da un emissario di Federico Barbarossa. "E' più facile che quel ciliegio ormai secco da anni fiorisca – dissero un giorno i cittadini, stanchi di essere vessati dall'invasore - che il nostro paese possa liberarsi dall'invasore". E invece accadde che il ciliegio improvvisamente fiorisse e che il prodigio fosse considerato un segno divino della Madonna e, nel contempo, letto come una sorta di incitamento agli aquesiani  a reagire e organizzare la rivolta contro la tirannide.

Il programma:
Mercoledì 15 maggio sfilano i mini "pugnaloni" e il corteo del Signore di Mezzo Maggio. Sabato 18 maggio, è atteso il passaggio delle Mille Miglia ma soprattutto si potranno visitare, in notturna, i laboratori dove le ragazze e i ragazzi di Acquapendente danno gli ultimi ritocchi alle loro opere floreali. Infine, il clou di domenica 19 maggio: alle 9,30, esposizione dei "pugnaloni" nel centro storico; nel pomeriggio, a partire dalle 16, al chiostro di San Francesco, benedizione e sfilata del corteo storico "Città di Acquapendente" e sbandieratori "Madonna del Fiore"; in piazza Fabrizio, la lettura della pergamena ed esibizione degli sbandieratori con il gioco della bandiera; nella basilica del Santo Sepolcro, la benedizione dei portatori dei Pugnaloni, quindi la processione con la statua della Madonna del fiore, con la partecipazione del Signore di Mezzo Maggio. Per finire, alle 20, la proclamazione e premiazione del "pugnalone" vincente.
Info: www.prolocoacquapendente.eu/ www.comuneacquapendente.it - tel. 392.3555189 - 0763.7309206 - 800411834

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery