Acquapendente, muore donna ferita alla testa

Acquapendente, muore donna ferita alla testa

Si indaga per omicidio, ma la nipote sospettata resta libera

04.01.2013 - 10:37

0

“Resto qui, non c’è motivo per cui me ne debba andare”. Dovrebbe temere la nipote, che vive con lui in casa. Nipote (sorta di figlia adottiva) sospettata di avere ferito alla testa, con un corpo contundente, la moglie, morta nel giorno di Natale. Invece, l’uomo se ne resta lì, nella sua casa aquesiana, in attesa degli eventi. Eventi che, ormai, sono legati all’esito dell’autopsia cui, nei giorni scorsi, è stata sottoposta la donna. Questa, I.G., 82 anni, presentava alcune lesioni sul corpo ma, soprattutto, una ferita alla testa. Una ferita non recente. La donna, portata in ospedale da un’ambulanza del 118, è poi deceduta. Se, tra la ferita alla testa (già suturata, sembra, e chiusa con dei punti alcuni giorni prima dell’arrivo in ospedale), le altre lesioni e il decesso della donna ci sia un nesso, è quanto debbono accertare i medici legali senesi. Inoltre, si deve cercare di stabilire se, a provocare quelle lesioni, sia stato un incidente domestico o, invece, un corpo contundente. Di questi, ne sono stati portati via alcuni dai carabinieri, durante il sopralluogo nella casa in cui abitava l’anziana seguito all’apertura dell’inchiesta. Ma, stando alle ipotesi, c’è anche da prendere in esame se, a colpire, possa essere stata la nipote con una protesi in vetroresina. In passato, la nipote - seguita dai servizi sociali - avrebbe manifestato, a più riprese, dei segnali di sofferenza psichica, che sarebbero sfociati in liti all’interno delle pareti domestiche, cruente. Per un certo periodo, i due anziani erano stati spostati in una struttura esterna; poi, avevano ripreso a vivere tra le loro mura. Per il momento, nessun provvedimento è stato adottato nei confronti della nipote (47 anni). Che, comunque, verrebbe tenuta d’occhio con discrezione. Il fatto è che, ammesso e non concesso che le vengano attribuite le lesioni, la donna potrebbe risultare non imputabile. Perché, appunto, priva della capacità di intendere e di volere al momento del fatto. Un punto, questo, che viene di solito accertato con una perizia. Tutto, per ora, è legato all’esito dell’autopsia. Ma le indagini continuano.

A cura di Nicola Moncada

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, scienza e tecnologia sulla scena del crimine

Milano, scienza e tecnologia sulla scena del crimine

Milano (askanews) - E' grazie a scienza, tecnologia e alle sempre più evolute procedure di indagine che per i responsabili dei delitti è sempre più difficile rimanere impuniti. Oggi l'indagine scientifica ha assunto un ruolo fondamentale. Basti pensare che in uno degli ultimi casi di cronaca è bastato un singolo capello ritrovato sul luogo di un grave delitto di sangue per trovare e catturare gli ...

 
Cinema, Dwayne "The Rock" Johnson conquista la Walk of Fame

Cinema, Dwayne "The Rock" Johnson conquista la Walk of Fame

Los Angeles (askanews) - Una stella sulla Walk of Fame, la celebre passeggiata degli artisti a Los Angeles, per Dwayne "The Rock" Johnson. L'attore americano, ex culturista 45enne, reso celebre dai ruoli da duro in film come "Il re scorpione", "Fast & Furious" fino ai recenti remake di "Baywatch" e "Jumanji" si è aggiudicato l'ambito riconoscimento che consacra le più famose star di Hollywood. ...

 
Orlando: biotestamento importantissima conquista di civiltà

Orlando: biotestamento importantissima conquista di civiltà

Genova (askanews) - "È assolutamente un'importantissima conquista di civiltà". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, commentando l'approvazione della legge sul biotestamento, a margine dell'assemblea di Dems a Genova. "Voglio ringraziare - ha sottolineato il Guardasigilli - tutti i parlamentari che hanno concorso all'approvazione di questo importante atto normativo che ci fa ...

 
Orlando: Gentiloni bis? Lavoriamo per risultato chiaro

Orlando: Gentiloni bis? Lavoriamo per risultato chiaro

Genova (askanews) - "Lavoriamo per dare un risultato chiaro perché credo che l'ipotesi di nuove elezioni o di larghe intese non sia nell'interesse del Paese". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, commentando, a margine dell'assemblea di Dems a Genova, l'ipotesi di un Gentiloni bis in caso di una situazione di stallo dopo le prossime elezioni.

 
Al Teatro Unione spettacolo dell'Accademia delle Arti Savastano

Viterbo

Al Teatro Unione spettacolo dell'Accademia delle Arti Savastano

Domenica 17 dicembre 2017, alle 18.30, si terrà al Teatro dell’Unione uno spettacolo per la presentazione al pubblico e alla stampa della Accademia delle Arti “Antonio ...

12.12.2017

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

Al Teatro dell'Unione il concerto della Banda dei Carabinieri

Viterbo

Al Teatro Unione il concerto della Banda dei Carabinieri

Concerto della Banda dell'Arma dei Carabinieri al Teatro dell'Unione di Viterbo. Giovedì 14 dicembre 2017 la Fondazione Carivit festeggia in musica i 25 anni dall'istituzione....

09.12.2017