Il presidente della Spencer and Lewis protagonista di un seminario sui nuovi media pubblicitari

Non chiamateci più "bamboccioni"

22.04.2013 - 13:48

0

Nuovi media e comunicazione pubblicitaria perla promozione di prodotti ed eventi. Questo l’argomento del seminario dell’Unitus organizzato dal Dipartimento di economia e impresa.
Relatore del caso Giorgio Giordani, presidente della Spencer and Lewis, una società giovane che in pochi anni è riuscita nell’impresa di ritagliarsi una cospicua fetta di un mercato in continua contrazione. Nella sua presentazione il dottor Giordani ha parlato della suo personale percorso professionale, dagli inizi fino al grande successo della Spencer and Lewis, coinvolgendo gli studenti con un approccio aperto ed informale.
"Tanto tempo fa un professionista spagnolo – ha esordito il presidente della Spencer and Lewis - mi raccontò che nella vita occorre avere le famose 3C: la ‘cabeça’ ovvero la testa, occorre essere intelligenti, curiosi e voraci nel percorso della propria vita professionale; il ‘corazon’ ovvero il cuore, la passione e ancor meglio la pancia che dobbiamo ascoltare nelle nostre scelte professionali; infine il ‘culo’, perché per poter far lavorare la testa spinta dal cuore è necessario trovarsi nel posto giusto al momento giusto. Ad esempio il nome della mia società, Spencer e Lewis, è stato ‘adottato’ a partire da una piccola società pubblicitaria canadese. Il fattore ‘C’ in questo caso è stato incontrare casualmente l’erede del marchio e trovare un accordo per il suo utilizzo, cosa che ci ha garantito una buona base di notorietà, utilissimo per una società, de facto, appena nata, per di più in un periodo particolarmente difficile per l’impresa in generale. Per quanto riguarda coraggio e testa, noi cerchiamo di dare sempre il massimo, rifiutando il concetto stesso di ‘impossibile’, cercando anzi di sfidarlo continuamente. Quando io e il mio socio abbiamo cominciato, la crisi aveva già cominciato a colpire duro. Malgrado tutti i consigli e a dispetto di ogni previsione, però, noi ce l’abbiamo fatta, proprio perché non abbiamo avuto paura di buttarci".

Servizio integrale nel Corriere di Viterbo del 22 aprile
a cura di Alessandro Bruni

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Venezia (askanews) - Una grande rampa da skateboard dove, fino a qualche mese fa, troneggiava il demone colossale di Damien Hirst. A Palazzo Grassi a Venezia la cultura freestyle entra dalla porta principale in uno dei musei più importanti del mondo con la tre giorni di "Skate the Museum", evento collegato alla mostra del pittore tedesco Albert Oehlen, ma che vive di una vita e di un'energia ...

 
Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Reggio Calabria (askanews) - Nelle baraccopoli di San Ferdinando e di Rosarno non c'è rispetto dei diritti umani, c'è un degrado umano. Perché le autorità se ne accorgono solo quando succedono questi casi gravi e si continua a mantenere operative queste strutture quando si potrebbe benissimo fare l'ospitalità diffusa e utilizzare le case della piana e dei centri storici che non sono abitate. Non ...

 
A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

Reggio Calabria (askanews) - C'erano centinaia di migranti, lavoratori stagionali, sindacalisti ma anche tanti amministratori locali a Reggio Calabria, in occasione della manifestazione organizzata dall'Unione sindacale di base (Usb) per chiedere giustizia dopo l'omicidio di Soumaila Sacko, il bracciante del Mali ucciso a fucilate il 2 giugno 2018 mentre recuperava alcune vecchie lamiere in una ...

 
Il mondo della musica piange il maestro Caruso

lutto

Il mondo della musica piange il maestro Caruso

È morto all'età di 82 anni Pippo Caruso, maestro e direttore d'orchestra noto per aver preso parte a numerosi programmi televisivi di successo al fianco di Pippo Baudo, di ...

29.05.2018

È morto Fabrizio Frizzi

LUTTO NELLO SPETTACOLO

È morto Fabrizio Frizzi

Fabrizio Frizzi è morto nella notte per una emorragia cerebrale. Il popolare conduttore televisivo aveva 60 anni.

26.03.2018

Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018