Cerca

Lunedì 27 Febbraio 2017 | 03:14

Il vescovo Fumagalli in visita nel centro anziani di Montefiascone

"Voi  anziani siete molto importanti  e preziosi nella società per l’aiuto e i consigli continui che date alle famiglie essendo  ancora carichi e ricchi di principi umani e morali"

"Accoglienza, bene comune, amore e santo Natale" questi i temi  analizzati, come un filo conduttore,  dal vescovo monsignor Lino Fumagalli nel pomeriggio di giovedì 20 nell’omelia della Santa messa celebrata nel Centro anziani di Montefiascone. Tuttavia quello che ha colpito maggiormente i presenti  è stata la successiva disponibilità del vescovo  a disputare una partita a carte, a scala 40,   in coppia  con il vice sindaco Nando Fumagalli contro due soci. Una cosa mai accaduta  che ha entusiasmato tutti gli  anziani. Una sintesi del meraviglioso pomeriggio: ad attendere il vescovo nella sede in via Bandita, oltre duecento persone, il vice sindaco Nando Fumagalli, in rappresentanza dell’amministrazione comunale, i volontari dell’Asvom, della Solidarietà Falisca, alcuni giovani  trombettieri del Corteo Storico e la Corale di S.Margherita. Lino Fumagalli non appena arrivato ha salutato tutti i “giovanotti” tra le acclamazioni generali.  Poi ha celebrato la Santa Messa coadiuvato dal decano  Luciano Trapè e  da don Agostino Ballarotto durante la quale  ha spiegato l’importanza degli anziani e lo spirito sempre attuale del Natale. "Voi  anziani -ha detto - siete molto importanti  e preziosi nella società per l’aiuto e i consigli continui che date alle famiglie essendo  ancora carichi e ricchi di principi umani e morali.  Voi anziani siete anche una ricchezza per i giovani perché  trasmettete dei  valori basilari per la vita come  la fede. I vostri nipoti avranno appreso sicuramente da voi l’importanza della stessa  fede e  della preghiera. I valori da trasmettere con il vostro stile di vita è la positività  perché  il Signore ci vuole bene. Siete la testimonianza di valori che hanno fatto grande la vostra vita".

Più letti oggi

il punto
del direttore